OULX, I FUTURI ARCHITETTI DEL POLITECNICO “STUDIERANNO” IL PAESE PER LANCIARE NUOVI PROGETTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

OULX – Il centro abitato di Oulx sarà un “caso studio” per gli studenti del corso di laurea in Scienze dell’architettura del Politecnico di Torino che dovranno affrontare “l’atelier di composizione e urbanistica”. “L’Atelier, così viene definito il corso di progettazione teorico-pratico all’interno della facoltà di architettura, prevede una  intensa attività di studi, analisi e definizione di soluzioni progettuali che interesseranno i circa 80 studenti nel periodo tra marzo e luglio – spiegano dall’ufficio turistico di Oulx, che ha diffuso la notizia – l’obiettivo finale è la realizzazione di progetti mirati ad alcune aree ritenute interessanti per lo sviluppo della città dai giovani aspiranti architetti. Il materiale prodotto sarà quindi uno sguardo nuovo e giovane, un contributo importante per l’amministrazione da cui può sicuramente attingere per individuare soluzioni progettuali innovative”.

Il corso, tenuto dal prof. Marco Bosio, è stato avviato dal secondo periodo didattico e dopo alcune lezioni teoriche vedrà fin da subito gli studenti universitari di Torino immergersi nella realtà di Oulx. Martedì 14 marzo alle 11 è prevista una “lezione” del vicesindaco Terzolo per il primo sopralluogo, per far conoscere e analizzare il tessuto urbano ed edilizio del paese. “Sono previsti in futuro momenti di confronto con l’amministrazione comunale per capire assieme le prospettive e gli interventi prioritari per lo sviluppo urbano ed edilizio del centro urbano – aggiungono dall’ufficio turistico – le analisi e i progetti continueranno con un ritmo intenso tra le aule del Politecnico di Torino e le vie di Oulx fino a fine giugno, quando gli studenti dovranno dimostrare le loro capacità progettuali e sostenere il tanto temuto esame di fine corso”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Poveri Ulcensi ! Dopo la GRANDE SPECULAZIONE EDILIZIA, con impazzamento di soggiornanti obbligati e ingegneri ; l’ondata , si fa per dire, di monumenti , opere d’arte varie e piste di skate boards: avranno ( subiranno ), anche qualche altra moderna opera architettonica , stile collezione di lattine di coca cola ( peraltro , già bisognose di restauro, alias pomposo Liceo Des Ambrois, che, poveretto, si rivolterà nella tomba .. Lui, così onesto e probo?

  2. Concordo con Luigi. Oulx ha, negli anni, sopportato le peggiori schifezze spesso figlie delle velleità pseudointellettuali di qualche professore di belle speranze.
    Così ci siamo beccati le peggiori schifezze: dall’ammasso triangolare che deturpa la piazza principale (che qualche impavido burlone osa definire ”opera d’arte”), all’insulso e costosissimo scarabocchio che riporta il nome del paese sulla facciata del comune sino alla Base Alfa di Spazio 1999 (il liceo) allunata in quella che doveva essere una zona faunistica, etc. etc. Ora non manca che il colpo di grazia… Speriamo non sia questa la volta ”buona”.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.