OULX, L’IPER LE BAITE DONA OLTRE 11MILA EURO AI PROFUGHI DELL’UCRAINA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

OULX – L’Iper le Baite di Oulx ha raccolto e donato 11.862,93 euro a Rainbow4Africa e tramite i bussolotti collocati in tutto il Centro Commerciale e nei negozi, ha raccolto e poi donato con bonifico bancario alla Croce Rossa Italiana: 501,80 euro. La donazione a Rainbow4Africa è stata invece ottenuta con il 5% del ricavato dei prodotti a marchio CRAI, dal 7/03/2022 AL 30/04/2022. Questa insieme a tante altre donazioni, andrà a finanziare gli aiuti che l’associazione, grazie all’impegno dei volontari della logistica di Missionland, dell’ass. Capitano Ultimo e del Banco Farmaceutico di Torino, sta portando avanti per aiutare il popolo ucraino e i profughi per andare incontro all’emergenza sanitaria dovuta dalla guerra.

Già dal 3 di marzo, una colonna mobile dì Rainbow4Africa era partita per la Moldavia: un autobus ospedale con sala operatoria e otto posti letto di cui 4 intensivi, una clinica mobile, un’ambulanza, due furgoni trasporto persone, un’auto di servizio, tende e farmaci per 100.000 euro. Su invito dell’amministrazione della capitale moldava si sono stanziate a Chisinau, alla frontiera di Palanca a pochi km da Odessa, un’ambulanza e una clinica mobile.

Ma già da aprile, il flusso di profughi si è praticamente fermato e i centri di accoglienza in Moldavia sono stati in gran parte chiusi con profughi che cominciavano a tornare in Ucraina. Ora i profughi sono soprattutto interni con movimenti di grandi masse di persone verso le aree sicure del paese e quelle appena liberate dai russi. Quasi tutto il materiale, i farmaci (con un valore di quasi 100.000 euro) e un’ambulanza sono stati dati direttamente ai colleghi volontari di Odessa che stanno allestendo un ospedale da campo per assistere i feriti provenienti dalla zona di Mykolaiv.
Parte dei farmaci sono stati portati a don Paolo di Mohyliv che attraverso la Caritas Ucraina li distribuisce negli ospedali dell’Oblast di Vinnycja.

Con la netta riduzione dei flussi dei profughi non ha avuto più senso pensare a una missione stanziale in Moldavia, quindi si è valutato di:
1) creare una base logistica in Romania (essere in UE facilita un sacco di burocrazia) tenendo i sanitari in stand-by in relazione all’evoluzione della situazione;
2) incrementare i trasporti protetti di malati/feriti che non possono essere curati in loco sfruttando i viaggi per continuare a fornire aiuti.

Una nuova spedizione è partita domenica 22 maggio con 2 ambulanze, guidate dai volontari di Missionland e Capitano Ultimo, con una grande quantità di farmaci e attrezzature. Con loro anche un medico e un infermiere di R4A. L’obiettivo è raggiungere Odessa e consegnare ambulanze, farmaci e strumenti chirurgici al capo del servizio di supporto materiale dell’unità di sanità militare A4437, il tenente Mykhailo Viktorovych Tsurkan. Le ambulanze vengono utilizzate per l’evacuazione dei feriti e il trasporto di personale sanitario nella regione di Odessa, in particolare dalla città di Mykolaiv. Sono stati portati in Italia due bambini ora in cura presso l’ospedale Regina Margherita per patologie cardiache.

L’Iper Le Baite ha così concluso con successo le raccolte, che si sono aggiunte alle molte altre iniziative a sostegno delle associazioni di volontariato nazionali e locali, che ogni giorni si adoperano per le persone in difficoltà, sia locali che di tutto il mondo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.