PEDAGGIO PER LE MOTO SULLE STRADE STERRATE E MILITARI DELLA VALSUSA: PARTE IL PROGETTO “ALPSMOTO.TOURS”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

“AlpsMoto.Tours” è il nome del progetto triennale che verrà avviato dall’estate e dedicato agli oltre 20 mila turisti motociclisti, attirati dagli 800 chilometri ed oltre di strade militari in Valsusa, per un fatturato di 2 milioni di euro.

“Una iniziativa delle imprese per accogliere il turismo delle due ruote, valorizzare il patrimonio unico del territorio delle Valli di Susa e dei suoi 2.000 anni di storia, fra strade militari d’alta quota, fortificazioni, 3 colli Alpini a cavallo con la Francia, oltre 800 chilometri di sterrati fino a 3.000 metri, con la più lunga strada in cresta delle Alpi”, spiegano gli organizzatori.

Si tratterebbe di nuovi pacchetti turistici in Valle di Susa, pensati proprio per i bikers: l’Ascom di Susa in collaborazione quella di Torino e con il sostegno della Camera di Commercio hanno presentato il prodotto ieri a Torino, spiegando che sarà un’offerta specializzata e di marketing territoriale: saranno creati una carta dei servizi e dei pacchetti di soggiorno e fruizione del territorio, oltre ad apposite guide su due ruote, dedicate alle strade militari, le mulattiere e le vie asfaltate del circuito di alta quota della Valle.

Con un ticket che si dovrebbe aggirare tra i 6 e gli 8 euro, i motociclisti potranno godersi il viaggio in Alta Valsusa e contribuire così, nello stesso tempo, a reperire i fondi necessari alla manutenzione delle strade di montagna.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

6 COMMENTI

  1. Mulattiere e strade militari sono un patrimonio vulnerabile da salvaguardare, che mal sopporta le ruote tassellate. Adatto per un turismo a basso impatto. Sono itinerari lastricati a mano con muretti a secco anch’essi fatti a mano e gli eventuali ripristini verrebbero a costare carissimi, molto di più dei proventi del pedaggio. AGli enduristi tedeschi e svizzeri che da loro non possono mettere gli pneumatici fuori dall’ asfalto ma che da noi vengono a portare gli euro possiamo lasciare gli sterrati ormai compromessi come quello del Sommelier o l orribile sterrato che dallo jafferau scende ai bacini sopra Bardonecchia lungo le piste da Ski.

  2. Da sempre ho frequentato le strade delle valli Susa e Chisone con una enduro Yamaha XT 600. Sempre nel massimo rispetto per le fragili strade in sterrato e mai uscendo da esse . Una sola volta ho incontrato alla testa Assietta un guarda boschi che ha fermato , come me, tutti i motociclisti che arrivavano . Ha fatto una ramanzina non da poco ed ha elevato contravvenzione a tutti gli altri che avevano avuto comportamenti demenziali . Poi davanti a tutti mi ha detto : “lei vada pure” lasciando di m. tutti gli altri . Questo è uno dei comportamenti che generalizzati mitigherebbero le velleità di molti NON motociclisti . Comunque un tiket da far pagare a chi vuole percorrere quelle strade mi pare più che utile non disgiunto da controlli sui comportamenti e relative sanzioni anche pesanti .

  3. la TAV no….ma le moto, silenziose, ecologiche, rispettose per niente inquinanti, si. Va che siete ben strani in valdisusa !!

  4. Io sono sempre andato in montagna con moto,fuoristrada e anche a piedi. Se una persona e’ rispettosa per se stesso lo e anche x gli altri, le strade militari d’alta quota devono essere aperte al traffico motorizzato ma se poi qualcuno esce da queste per andare nei prati o a lasciare segni altrove deve pagare! Tutto sta’ nel regolamentare la cosa e non fare di tutta l’erba un fascio, il turismo motorizzato in questa valle porta dei soldi che ne ha tanto bisogno non si puo’ vivere solo di sci 3 mesi all’anno! Chiudendo tutto inoltre si dimentica un bel pezzo di storia militare poiche’ le strade crollano e non esistono piu’. Nella nostra valle ci sono molte cose che inquinano di piu’ delle moto come tir, treni,cantieri inutili ecc… ma questo le guardie ecologiche o ambientali fanno finta di non vedere e non sapere! Riccardo da Cesana

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.