POLEMICHE AL PALIO DI AVIGLIANA, PARLA LA PRO LOCO: “POSSIAMO TORNARE AL PASSATO, NESSUN PROBLEMA A CAMBIARE LE REGOLE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Cesare Borello, presidente della pro loco. A fianco, un’immagine del Palio di Avigliana

di ANGELO FRANCO

AVIGLIANA – Dopo le recenti polemiche sull’ultima edizione del Palio, abbiamo intervistato Cesare Borello, presidente della Pro Loco di Avigliana.

Presidente Borello, come è cambiato il Palio rispetto al passato?

In quest’ultima edizione abbiamo introdotto la novità basata sulle tre corse, esperimento che credevamo potesse coinvolgere maggiormente i cittadini, anche attraverso una scaletta dell’evento più avvincente. Ma a giudicare dai commenti non sempre positivi, e alla luce delle perplessità emerse, rivaluteremo il regolamento.

Il prossimo anno quindi tornerete alla storica “Corsa a sette”? Ossia alla singola corsa con i 7 cavalli di tutti i borghi, anziché il modello sperimentato quest’anno? 

Non abbiamo nessun problema a fare marcia indietro e tornare alla “Corsa a sette”. Questa edizione era da considerarsi come una prova, realizzata con la speranza di andare incontro al pubblico, ma siamo ben disposti a parlare con i borghi per delineare il futuro della manifestazione. Noi non decidiamo mai niente da soli. Tutto si può migliorare e siamo ben disposti a farlo. Vanno tuttavia ricordati anche i momenti migliori della manifestazione, come ad esempio la rievocazione storica che ha destato molti commenti positivi, anche se devo ammettere che accontentare tutti non è per niente facile: il prossimo anno ci saranno anche altre novità.

Ci anticipi qualcosa…

Al momento è presto, abbiamo un anno intero davanti a noi per impostare la prossima manifestazione. In quelle che saranno le nostre scelte future, non tralasceremo il discorso sicurezza: a livello pratico, burocratico e anche economico, il nostro operato volto all’ottimizzazione della sicurezza e all’applicazione della legge è un lavoro molto pesante, che ci conferisce responsabilità enormi e ci porta via un sacco di tempo e denaro. Il Comune ci ha aiutato molto e insieme ai funzionari, ai volontari e naturalmente al nostro direttivo, abbiamo fatto un grande lavoro: questo è stato il nostro impegno, sempre più gravoso, ma anche gratificante, sempre tenendo conto che possiamo migliorare.

Ci sono state polemiche anche sui criteri di scelta del borgo vincitore del Palio e sulla corsa dei cavalli. C’è chi ipotizza che siano state delle mance, ma sono solo malignità e voci senza fondamento?

Penso di sì, che io sappia nessuno ha dato mance. La pro loco ha scelto l’accoppiata fantino-cavallo e successivamente, in base alla classifica, anche i borghi hanno fatto la loro scelta. Abbiamo evitato di dare un grosso premio al primo posto, pensando ad una ripartizione più equa: 1000 euro per il vincitore, 400 al secondo e 200 al terzo.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. In realtà, avevo letto una sola critica maligna, direi velenosa, pubblicata su tre gruppi aviglianesi presenti su facebbok. Pubblicata da un profilo falso, senza reale identità e quindi non degno di considerazione. E poi ho letto molti complimenti ed apprezzamenti, con delle bellissime foto del Palio – splendidi costumi, cavalli, pubblico divertito, bambini felici. L’anno prossimo spero di poter essere presente, voi organizzatori non vi scoraggiate per le malignità di qualche singolo, non mollate!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.