PROCESSIONARIA IN VALSUSA: “LA REGIONE NON FA NULLA, HA ABBANDONATO I COMUNI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UFFICIO STAMPA DELLA CONSIGLIERA DANIELA RUFFINO

“Oggi in Aula ho sollecitato un intervento della Regione Piemonte per contenere l’esplosione dell’emergenza causata dagli attacchi di Processionaria del Pino che sta colpendo i boschi della Val di Susa. La risposta fornita dalla giunta di centrosinistra é sconcertante perché dimostra lo scarso interesse per le aree rurali e collinari torinesi. Certamente però è coerente visto che dopo non aver latitato nella gestione degli incendi che hanno colpito gravemente la Val di Susa, ora lascia i cittadini e le amministrazioni locali da sole a gestire una emergenza fitosanitaria. Tutto ciò é intollerabile”. Ad annunciarlo Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte, a margine della discussione di un suo question time in merito, che ha stigmatizzato come la risposta fornita sia la stessa di un anno prima, i problemi restano ma la Giunta Chiamparino gira la testa dall’altra parte.

La Giunta regionale ha fatto sapere che l’intensificarsi del fenomeno è principalmente causato dall’innalzamento delle temperature medie e l’assenza di precipitazioni tanto che ora vengono attaccate le pinete anche oltre i 1.200 metri. Fino ad oggi pare che gli attacchi di processionaria nel territorio non arrivino a compromettere la sopravvivenza delle aree boschive colpite, condizione essenziale affinché il settore Fitosanitario della Regione intervenga. Resta poi il problema dei costi elevati da sostenere sia per i privati cittadini, sia per il pubblico.

“Credo che nonostante le difficoltà evidenti nella lotta a questo lepidottero – conclude Ruffino – la Regione dovrebbe prevedere contributi a sostegno dei privati cittadini e delle amministrazioni locali, il sindaco di Cesana Lorenzo Colomb èvsommerso di richieste di intervento da parte dei cittadini e così tanti altri amministratori. È vero che sono necessari interventi economici importanti ma è necessario contenere un fenomeno che ogni anno cresce senza alcun tipo di governo della Regione, non lascerò inascoltate queste voci”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.