PROCESSIONARIA IN VALSUSA: TUTTO PER COMBATTERLA ALLA “CIADIT ITALIA” DI ALMESE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di CIADIT ITALIA

ALMESE – Sta arrivando la primavera, e come ogni anno in questo periodo occorre fare informazione e prevenzione verso le processionarie del pino.
Le larve della processionaria in primavera escono dai nidi e si spostano proprio in tipiche “processioni”, ogni individuo è lungo 5/6 centimetri, il dorso è rosso fulvo, il corpo è di colore grigio sui lati e hanno il capo nero.
I bruchi vivono dal mese di novembre all’interno di nidi negli alberi e si alimentano con gli aghi di pino da settembre ad aprile circa; nei mesi di febbraio e marzo, a seconda della zona climatica iniziano la loro discesa, formando le famose “processioni” in cerca di un luogo dove interrarsi e formare le crisalidi.
Il Traumatocampa Pityocampa, la processionaria, è un insetto lepidottero che, oltre ad essere estremamente dannoso per le piante, è anche potenzialmente pericoloso per l’uomo e per gli animali domestici. Ormai presente anche ad alte quote nei boschi di pino della Valle di Susa, questi insetti sono riconoscibili dai visibili e numerosi nidi biancastri che danno poi origine a questi insetti dalla forma allungata, simili a bruchi, che hanno la particolarità di muoversi in fila, come in processione: da qui deriva il nome.

Il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, il 30/10/2017 ha emesso un D.M. “Disposizioni per la lotta obbligatoria contro la processionaria del pino”, che obbliga i proprietari di alberi infestati da processionaria ad intervenire a propria cura e spese, pena sanzioni nei confronti dei proprietari inadempienti.

Questi insetti disperdono nell’aria i propri peli fortemente irritanti, che possono dare origine a reazioni infiammatorie, allergiche e epidermiche, provocando danni ambientali nelle aree forestali, danni nei luoghi abitati, danni alla salute dell’uomo e agli animali domestici.

Quali precauzioni adottare: in presenza di larve di processionaria è necessario evitare il contatto con i loro peli urticanti. In caso di necessità, prima di avvicinarsi alle piante, proteggersi il corpo con mascherina tuta e guanti. Evitare di asportare i nidi dagli alberi con mezzi non idonei tipo sassi o bastoni e di raccogliere le larve dal terreno con rastrelli, scope o peggio ancora con le mani.

In caso di contatto accidentale con larve o nidi, è comunque necessario lavare a temperatura elevata i capi d’abbigliamento e evitare di grattarsi.
Non far avvicinare gli animali domestici alle larve, e se si passeggia nei boschi si consiglia di utilizzare il guinzaglio.

Ciadit Italia, azienda almesina leader nel settore della disinfestazione, dispone di personale altamente qualificato e preparato alla bonifica da processionaria.
Nel punto vendita di via Granaglie 35 ad Almese inoltre, sono in vendita prodotti testati ed efficaci utili per iniziare a contenere i danni provocati dalle processionarie.

Di seguito alcune utili indicazioni da seguire nel caso gli alberi del vostro giardino avessero nidi di processionaria evidenti sui rami: 1- indicativamente tra dicembre e marzo tagliare e bruciare, ove possibile, i nidi larvali sulla chioma, operando con la massima cautela e adottando adeguate misure protettive.
Il taglio dei nidi riduce la presenza delle larve, ma non abbatte completamente l’infestazione; 2 – successivamente applicare l’apposito collare intorno al tronco del pino. Questo particolare collare è una trappola meccanica per la cattura dei bruchi della processionaria, nel momento in cui cominciano a scendere lungo il tronco per interrarsi; il collare devia i bruchi lungo un condotto che li guida fino al sacchetto raccoglitore. Si installa direttamente sul tronco, ed è disponibile anche per tronchi con diametro superiore a 35 cm e circonferenza di 110 cm.
3 – La stessa pianta nel mese di settembre dovrà poi essere trattata da personale qualificato con l’endoterapia, cioè iniezioni di un prodotto fitosanitario direttamente nel tronco.

Ottimi i risultati, approccio innovativo e attento all’aspetto ambientale, perfettamente in linea con la strategia della Ciadit Italia.

Per informazioni contattare la CIADIT ITALIA: via Granaglie, 35 10040 Almese (To). Telefono 011/9351422.

Il punto vendita al dettaglio è aperto dal lunedì al venerdì con orario 8.30 – 12.30 14.00 – 18.00.

Stop alla processionaria, rendi sicuro l’ambiente dove abiti, per la salute della tua famiglia e per i tuoi animali domestici!

(Inf. pubb.)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Bene! Adesso abbiamo un decreto ministeriale che ci obbliga a bonificare i pini… Perché non hanno fatto qualcosa prima che le cose peggiorassero così tanto? Noi privati faremmo a meno di spendere soldi di tasca nostra per colpa di chi non ha fatto nulla per anni

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.