PROFUGHI AL FREDDO IN VALSUSA: LE DUE STAZIONI NON CHIUDONO PIÙ, FORSE APRE UN RICOVERO NOTTURNO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FABIO TANZILLI

OULX / BARDONECCHIA – Questione profughi: le sale d’aspetto delle stazioni ferroviarie di Oulx e Bardonecchia rimarranno aperte e non chiuderanno più. Ma per scongiurare che i migranti muoiano di freddo sarà probabilmente allestito un ricovero/dormitorio per le ore notturne. È questa una delle notizie emerse lunedì sera, a seguito dell’incontro a Torino tra il prefetto, i sindaci Avato e De Marchis e i vertici di Rfi. Sul tavolo la questione dell’emergenza freddo, con il rischio che i migranti possano perdere la vita assiderati, nelle gelide notti all’addiaccio in alta Val Susa.

Per questo motivo c’è l’ipotesi che possa essere aperto dalla prefettura e i due Comuni un punto di ricovero per i migranti che arrivano a Oulx o Bardonecchia di notte, tenendo conto che quest’ultima stazione chiude alle 21 (quella di Oulx invece rimane aperta tutta la notte).

“La riunione è stata produttiva – commenta il sindaco Avato – le due stazioni di Oulx e Bardonecchia rimarranno sempre aperte al pubblico, senza che si ripetano altre chiusure da parte di Rfi”. Ma questo non risolve i disagi nella gestione dei migranti che ogni giorno fanno base a Bardonecchia per tentare la fuga in Francia, passando dai sentieri dalla Valle Stretta o rischiando la vita provando a superare il tunnel ferroviario del Frejus a piedi.

“Questo problema si risolve insieme, ognuno coi suoi ruoli – aggiunge Avato – Rfi ha chiesto maggior sicurezza e garanzie per il decoro delle stazioni e la prefettura ha promesso più controlli da parte delle forze dell’ordine”.

Ma c’è soprattutto l’emergenza-freddo: “Nell’incontro sono emerse varie soluzioni, da adottare in via provvisoria per questi mesi invernali. Bisogna strutturarsi per scongiurare il rischio che i migranti muoiano assiderati – spiega il sindaco – nei prossimi giorni sarà resa nota la soluzione scelta dalla prefettura, certamente l’apertura di un ricovero notturno potrebbe aiutare. Ma l’argomento ha più aspetti da risolvere e ognuno deve fare la sua parte: dal servizio di sicurezza da parte della polizia a quello dell’accoglienza e dell’informazione. E ovviamente bisogna garantire che il cittadino comune possa aspettare il treno in stazione e fare il biglietto in sala d’aspetto, come sempre è avvenuto. Siamo soddisfatti che si sia aperto questo tavolo con la prefettura, sollecitato proprio da noi sindaci”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

10 COMMENTI

  1. Ad Oulx, all’angolo tra via Pellusier e via Martin Luther King, vive una persona all’interno di un’auto. Dalla fisionomia non sembra un profugo, ma una persona
    che, dopo aver pagato le tasse, si ritrova ad afftontare le vicessudini avverse della vita.

    • La storia si ripete ….solo che sono passati 2000 anni e ancora i nostri cuori si sono induriti…Festeggiare il Natale con i nostri figli al caldo delle nostre case e non aprire le porte né del nostro cuore né delle nostre case a questa povera gente, con temperature così gelide, significa che abbiamo paura …Non bisogna avere paura di loro ma di noi stessi..di come la paura ci sta trasformando…coraggio forza…noi non siamo così…persone buone ce ne sono tante…generose e coraggiose fate sentire la vostra voce ….affinché chi ha paura non si scoraggi!!!!!

      • provi lei a prendere il treno al mattino presto o la sera tardi e poi vedrà la bontà, educazione , civiltà di queste persone…. i controllori hanno paura a chieder ikl biglietto che non hanno, fanno come se il treno fosse cosa loro e noi ospiti indesiderati, finiamola con il buonismo… la povera gente si comporta in maniera diversa

  2. Cara Cinzia dai il buon esempio! Apri le porte di casa tua. Quelle di casa mia stanno ben chiuse. E ti assicuro senza alcun senso di colpa… In questo paese le persone oneste di alzano tutte le mattine con 8 o 9 ore di lavoro davanti per almeno 40 anni di lavoro tasse econtributi. E hanno pochi diritti e scarse prospettive per il futuro. Questi stranieri non dovrebbero essere qui. La soluzione è questa.

  3. Dobbiamo ascoltare le esortazioni di Pappa Francesco: “……..Vanno accolti TUTTI !….”perchè fuggono dalle guerre (?!) sono tutti mingherlini e mal nutriti senza gli ultimi telefonini satellitari hanno difficoltà a captare ultima musica rock. Siano stramaledetti i francesi, svizzeri,austriaci, krukki tedeschi, polacchi, ungheresi che si rifiutano di mantenerli. Basta con i muri, costruiamo ponti per accogliere TUTTI I DELINQUENTI SENZA DOCUMENTI FUGGITI DALLE PATRIE GALERE! Maria Madre di Gesù e Madre Nostra aiutaci. Afffff:lo

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.