PRONTO SOCCORSO DI SUSA, L’ASL AUMENTA IL PERSONALE: ARRIVANO TRE MEDICI, IL PRIMO GIÀ DA FEBBRAIO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

Ieri si è tenuto a Pinerolo un incontro fra i rappresentanti dei sindaci dell’Unione dei Comuni Olimpici dell’alta Val Susa ed il direttore Generale dell’ASL TO3 Gaetano Cosenza.

All’incontro, richiesto dal presidente dell’Unione e Sindaco di Sestriere Valter Marin, erano presenti i sindaci di Pragelato Monica Berton e Sauze di Cesana Maurizio Beria D’Argentina; per l’ASL TO3 il Direttore Gaetano Cosenza, il Direttore del Distretto Valli Chisone e Germanasca Lorenzo Angelone ed il Dirigente medico del Presidio di Susa Davide Minniti.

I sindaci hanno sottolineato l’assoluta necessità del mantenimento e potenziamento dei pronto soccorso, con particolare riferimento a Susa viste le criticità e l’affollamento specie nei week end di alta stagione turistica; sempre a Susa è stato richiesto dai Sindaci il mantenimento e potenziamento di servizi, come la Traumatologia, considerata la distanza fra i comuni delle alte valli ed i presidi di Pinerolo e Rivoli, nonché uno sviluppo dell’assistenza territoriale specie nelle aree più decentrate.

I sindaci hanno rimarcato la necessità di sinergie ed integrazioni con l’Ospedale francese di Briançon “con il quale occorrerà lavorare maggiormente per sviluppare servizi a vantaggio dei rispettivi pazienti”.

Sul pronto soccorso, la Direzione dell’ASL sta lavorando con la Regione Piemonte per l’aumento di risorse professionali, in particolare è previsto l’arrivo dal 1° Febbraio di un nuovo medico urgentista, con l’ulteriore successiva assunzione di altri 2 Medici per costituire un pool dedicato che operi in via esclusiva su pazienti di area critica; il tutto in sinergia con il servizio di anestesia e rianimazione che garantisce al pronto soccorso la presenza sulle 24 ore, e che utilizza all’occorrenza anche i 2 posti letto dedicati ai codici di alta gravita (posti letto antishock).

Parallelamente i sindaci hanno ricevuto la rassicurazione che verrà maggiormente specializzata l’Ortopedia sulla specialità di Traumatologia e che verranno salvaguardate la Medicina ed una week Surgery (attività Chirurgica dedicata a casi meno complessi che si risolvono entro i 5 giorni della settimana), tutte le attività ambulatoriali specialistiche nonché potenziate le attività di assistenza territoriale e soprattutto domiciliare (sviluppo progressivo del progetto Ospedalizzazione a domicilio e telemedicina).

Infine, per fronteggiare il periodo influenzale, è stato predisposto per Susa un piano di potenziamento dei turni di reperibilità e di presenza attiva per i medici e personale di assistenza.

Secondo l’Asl gli arrivi al pronto non sono mediamente superiori a quelli degli anni scorsi (circa 40 arrivi al giorno di media e 15.500 all’anno) con l’82% di pazienti di bassa gravità, il 17% codici gialli e 1% rossi e che dal monitoraggio puntuale quotidiano si rileva che vi è stato un unico week end, quello appena trascorso, con lieve incremento (4/5 arrivi in più).

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. vorrei che qualcuno mi spiegasse come sia possibile che il giorno precedente i Sindaci di Susa ed Avigliana si incontrano con Saitta, il quale conferma sostanzialmente quanto già si sapeva, il giorno dopo i Sindaci della ricca e influente Alta Valle incontrano il dirigente ASL Cosenza in quale li rassicura promettendo potenziamento immediato con 3 nuovi medici da febbraio…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.