RAVE PARTY IN VALSANGONE, SCOPERTO E ARRESTATO IL PUSHER

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

TRANA – E’ in carcere e dovrà rispondere dell’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. E’ stato arrestato dai carabinieri di Rivoli il “pusher dei rave party”: un italiano di 32 anni. Le manette sono scattate dopo la perquisizione nell’abitazione e nel suo bar di Torino dove sono stati trovati 480 grammi di  hashish, suddivisi in 48 ovuli,  e 55 grammi di Ketamina (un anestetico per animali, in particolar modo lo usano per addormentare i cavalli). 
Alla droga si aggiungono anche 6700 euro, frutto dell’attività di spaccio. A segnalare ai militari l’attività del pusher di Ketamina erano stati alcuni frequentatori dei rave piemontesi. 

L’arresto, infatti, è avvenuto nell’ambito delle indagini predisposti in seguito al rave party che ha avuto luogo il 13 e 14 marzo scorsi, a Trana, all’interno del capannone in disuso della ex fonderia di Trana. L’arrestato ha ammesso di essere il pusher di riferimento dei rave party.
La Ketamina è un anestetico per animali, in particolar modo lo usano per addormentare i cavalli. A volte la si trova venduta liquida, ma più spesso viene venduta già cucinata e ridotta in polvere. Può anche essere iniettata, come l’eroina, ma invece che in vena la si fa intramuscolo. Gli effetti e la durata variano in base a come la si assume e a quanta se ne usa, comunque solitamente l’effetto dura dai 20 ai 40 minuti. Essendo un’ anestetico, produce un effetto di estraniamento dalla realtà, intorpidimento dei sensi, spesso allucinazioni.

Per quel rave, i carabinieri della Compagnia di Rivoli avevano denunciato per invasione di terreni o edifici 118 persone. Uomini e donne  tra i 15 e i 55 anni, provenienti dalle province di Alessandria, Bari, Benevento, Bologna, Brescia, Caserta, Como, Crotone, Cuneo, Crema, Lecco, Milano, Monza, Mantova, Reggio Emilia, Parma, Sondrio, Savona, Torino, Varese, Vercelli, Vibo Valentia.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.