REDDITO DI CITTADINANZA: 27.438 RICHIESTE IN PROVINCIA DI TORINO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
DAL MOVIMENTO 5 STELLE
Sono 27.438 le domande per il Reddito di Cittadinanza già presentate nella provincia di Torino. Si tratta di dati aggiornati al 7 aprile rispetto ad una misura di aiuto, formazione e inserimento nel mondo del lavoro che si sta dimostrando molto richiesta anche nelle regioni del Centro-Nord, nelle quali si concentra il 44.5% delle domande ricevute (359.106 su 806.878 totali). Tra le prime dieci regioni per richieste ci sono Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Piemonte e Toscana” – dichiarano i deputati del MoVimento 5 stelle.

Ogni persona che vedrà esaudita la domanda riceverà un beneficio massimo di 780 euro al mese per integrare il reddito familiare e pagare gli affitti. La misura varata dal Governo, fortemente voluta dal MoVimento 5 Stelle che si batte su questa proposta dal 2011, permette inoltre di aiutare i beneficiari nella ricerca attiva di lavoro e inserimento sociale. Ne possono usufruire non soltanto i cittadini italiani ed europei, ma anche tutti coloro che risiedono legalmente in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in via continuativa. I dati sull’affluenza dell’Inps dimostrano che anche in una provincia tradizionalmente ricca come quella di Torino servivano misure come questa, in grado sia di rilanciare l’occupazione e la formazione sia di contrastare la povertà e le diseguaglianze sociali, aiutando l’economia reale. Si ricorda infine che i beneficiari non potranno spendere le somme in azzardo, slot machine-vlt-scommesse etc, vera e propria piaga sociale ed economica anche nella provincia di Torino” concludono i parlamentari del Movimento 5 Stelle.

CELESTE D’ARRANDO, DAVIDE SERRITELLA, ELISA PIRRO, JESSICA COSTANZO e LUCA CARABETTA

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. e gli altri a lavorare con l’IVA al 26%

    PS immagine perfetta: misura puramente clientelare in assenza di una riforma unitaria dei centri per l’impiego (che non arriverà mai, in quanto di competenza regionale…)

Rispondi a peter Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.