RIFIUTI, IN VALSUSA GLI ISPETTORI AMBIENTALI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Il consiglio comunale di Avigliana

 

di ANGELO FRANCO

AVIGLIANA – Al consiglio comunale di fine marzo sono emerse importanti novità in tema rifiuti e raccolta differenziata, a seguito dell’interrogazione presentata dalla consigliera di minoranza Tatjana Callegari del Movimento 5 Stelle. L’assessore Fiorenza Arisio ha fatto il punto della situazione.

“Il 65% dei rifiuti raccolti ad Avigliana attraverso la raccolta differenziata, presenta una quantità di materiale spurio (quindi contaminato da chi non esegue correttamente la raccolta differenziata) inferiore al 4% e dunque per legge non va a finire nell’inceneritore – aspetto di cui si preoccupava la Callegari – mentre il restante 35% dei rifiuti raccolti si classifica come proveniente da una cattiva raccolta differenziata”.

Tra le iniziative proposte dal Comune sul tema, oltre a lettere per i condomini e manifestazioni di sensibilizzazione, vi è l’idea di farsi promotore insieme ad Acsel della nuova formazione di “ispettori ambientali” da affiancare agli operatori ecologici. Gli ispettori avranno l’incarico di prendere visione dei cassonetti a campione, per monitorare e segnalare i comportamenti illeciti: “Lo proporrò all’assemblea dei sindaci, ma sarà necessario l’assenso di altri Comuni della valle” spiega la Arisio.

Nel nuovo centro commerciale di corso Europa sono in corso i lavori per la realizzazione dell’isola ecologica. Si è parlato anche dei problemi relativi all’ecocentro di viale Nobel, dove non vengono accettati tutti i tipi e quantitativi di rifiuti: “Il rischio è di incentivare l’abbandono illecito” afferma il consigliere di “Adesso Avigliana” Toni Spanò. Risponde l’assessore Arisio: “Abbiamo chiesto più volte all’Acsel che venissero accettate maggiori quantità di rifiuti, questo è un problema relativo alla grandezza dei container Acsel ed è una questione che va risolta”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Perchè , nelle scuole, non insegnano ai bambini , di denunciare le mamme che sbagliano a fare la raccolta differenziata ? In URSS , lo facevano con ottimi risultati !

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.