ROSTA, “CHI PIÙ INQUINA, PIÙ PAGA”: ECCO I CASSONETTI INTELLIGENTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI ROSTA

ROSTA – L’Amministrazione Comunale ha scelto di dotare le isole ecologiche già presenti sul territorio di aperture informatizzate, i c.d. cassonetti “intelligenti” dotati di sistemi elettronici di apertura e chiusura che consentiranno il riconoscimento dell’utente e il conteggio del numero degli accessi.

La chiave di accesso, informatizzata, avrà una doppia funzione:

  • Da un lato quella di permettere l’uso dei contenitori solamente ai residenti e partecipanti al costo del servizio medesimo.
  • Dall’altro quella di riconoscere l’utente mediante l’uso di un transponder e di poter conteggiare il numero di accessi, in modo da addivenire, dopo la sperimentazione, all’applicazione della c.d. “tariffa puntuale”: un sistema di calcolo della tariffa rifiuti (TA.RI) legato alla reale produzione di rifiuti, secondo il principio che “chi più inquina più paga”.

Il progetto sarà realizzato in collaborazione con Cidiu Servizi Spa. “Sarà un sistema basato sul principio che chi più inquina più paga – afferma il Consigliere Delegato al Ciclo Integrato dei rifiuti Giuliano Rada “attraverso il quale verranno premiati, in termini economici, attraverso un abbassamento delle tariffe, quei soggetti che differenzieranno di più e meglio. L’utente pagherà per quanto rifiuto indifferenziato produce: quindi meno rifiuti indifferenziati produce, meno paga“.

Nel corso delle prossime settimane perverrà ai cittadini l’informativa del nuovo servizio e le istruzioni per i conferimenti oltre che l’indicazione delle serate divulgative aperte al pubblico.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Purtroppo non sarà una soluzione neanche questa perché i soliti furbetti butteranno l immondizia in qualche fosso o in qualche strada poco trafficata

  2. Veramente “intelligenti” i cassonetti che non contabilizzano nè il volume nè il peso, ma il numero di accessi.
    E poi, visto che siamo in Italia, più verosimilmente l’indifferenziato aumenterà sparso in giro o nei cassonetti per gli altri rifiuti.
    E infine, per fare le cose eque, bisognerebbe rimborsare (di più) chi conferisce maggior quantità di carta e altri materiali riciclabili, no?
    Per il momento la cosa più certa è il costo di tutta quell’ “intelligenza”.

    • Concordo e lo vedo un controsenso! Se per ogni sacchetto vengo penalizzato, per quale motivo dovrei metterlo nel raccoglitore???
      Differente e più vantaggioso sarebbe il bonus, caricato sulla card ad ogni utilizzo per incentivarne l’uso. …purtroppo però, senza pesare il rifiuto avremmo un numero spropositato di mini-utilizzi solo per avere più bonus.

  3. sistema poco furbo che incentiva l’abbandono di rifiuti in giro
    però siamo in italia ed è meglio far pagare il costo di tutto il sistema agli onesti

    sarebbe meglio un sistema “chi meno inquina, meno paga”, con sistemi di incentivo a chi fa buona differenziata e compostaggio domestico

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.