RUBIANA, 2000 EURO PER I GENITORI LAVORATORI CHE PORTANO I FIGLI AL NIDO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
di CORINNE NOCERA

Sulla base del diritto all’istruzione, sancito dall’articolo 34 della nostra Costituzione, oltre che dall’articolo 14 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, il Comune di Rubiana ha deciso di aiutare, per quanto possibile, le famiglie del posto, contribuendo con 2.000 euro a tutelare il principio cardine secondo cui “la scuola è aperta a tutti”.

Il finanziamento comunale è a servizio dell’asilo nido privato “La Coccinella” di Villardora, in via Don Oreste Caramello: consapevole dell’importanza socio educativa che riveste la scuola, soprattutto nei primi anni di vita dei bambini, l’amministrazione vuole inoltre supportare i genitori lavoratori, abbattendo almeno in parte le spese scolastiche dei proprio figli.

In municipio hanno dunque fissato la quota di contribuzione da riconoscere alla famiglie, nella misura massima del 15% del pagamento della retta mensile sostenuta, tempo pieno o part-time, fino alla concorrenza totale di 2.000 euro, oltre ai criteri e requisiti indispensabili per potersi avvalere di tale sostegno:

– il nucleo famigliare deve essere residente in Rubiana;

– la domanda di ammissione al contributo, da inoltrare all’ufficio servizi sociali del Comune, deve essere corredata dalla copia di iscrizione al nido “La Coccinella” di Villar Dora del proprio figlio/a, di età compresa tra sei mesi e tre anni, per l’anno educativo 2015/2016;

– le istanze di concessione del contributo economico per la retta di frequenza devono essere presentate entro il 31.12.2015. Il contributo sarà erogato proporzionalmente alla spesa sostenuta da ciascuna famiglia;

– il contributo verrà erogato al termine dell’anno educativo in un’unica soluzione, previa presentazione da parte delle famiglie beneficiarie di opportuno giustificativo di spesa (fattura, ricevuta etc..) attestante il pagamento del servizio, fermo restando la prerogativa del Comune di accertare le situazioni dichiarate attraverso lo scambio di informazioni con la struttura che eroga il servizio.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.