SANITÀ, ECCO L’ELENCO DELLE  PROMESSE DI SAITTA AI SINDACI DELLA VAL SUSA PER EVITARE IL RICORSO AL TAR

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di EMANUELA SARTI

L’Assessore Antonio Saitta ha presentato lunedi mattina alla Giunta Regionale il protocollo  di intesa tra l’AslTo3 e i Sindaci delle Unioni montane Valle Susa e Alta Valle Susa con l’obiettivo dimantenere e potenziare i servizi esistenti e le prestazioni di emergenza in seguito al Piano di riordino regionale.

Nel dettaglio:

– In deroga a quanto previsto per le cosiddette “aree disagiate”, mantenimento presso il Presidio ospedaliero di Susa dei servizi previsti per gli Ospedali di base sede di Pronto Soccorso e in particolare gli attuali reparti di medicina, chirurgia generale gg7/7, h24/24, anestesia, traumatologia, ortopedia, emoteca, analisi, radiologia, quattro letti di osservazione, due letti anti shock, tutti i servizi di supporto agli stessi.

– Potenziamento del servizio di ambulanze medicalizzate e di elisoccorso con piattaforme illuminate per le ore notturne nel PO di Susa, a Bardonecchia e in altre adeguate collocazioni data la contiguità a uno dei maggiori centri sciistici del Piemonte e della rilevante distanza dei residenti dal DEA di Rivoli.

– Mantenimento del servizio di ginecologia e dei corsi pre-parto presso il Presidio Ospedaliero di Susa, con attivazione di un ambulatorio pediatrico di secondo livello per la gestione dei casi più complessi ad integrazione della pediatria territoriale.

– Conferma dei finanziamenti previsti per gli interventi sulle strutture di Susa e Avigliana.

– Potenziamento dei servizi ambulatoriali e del progetto sperimentale di telemedicina, potenziamento e promozione presso i cittadini dei servizi del Centro di Assistenza Primaria, ripristino dei 20 posti letto di continuità assistenziale, mantenimento e potenziamento dei servizi di oculistica presso la struttura di Avigliana;

– Attivazione ad Avigliana un servizio per le terapie chemioterapiche e/o similari per evitare i pesanti spostamenti degli ammalati oncologici;

– Mantenimento di risorse economiche non inferiori a quelle del 2011 da destinare all’area socio sanitaria per mantenere i servizi per la domiciliarità, la residenzialità e la semiresidenzialità degli anziani non autosufficienti, dei disabili e dei minori (SAD, rette, continuità assistenziale, ricoveri di sollievo, ricoveri in Hospice oncologici, assegni di cura, protesica, CST, centri diurni per anziani, trasporti sanitari, rimborsi per assistenza sanitaria, ecc.) o in ogni caso dovranno essere introdotti criteri di assegnazione delle risorse che tengano conto di parametri di popolazione, di estensione e di dispersione territoriale, abbandonando la modalità dei trasferimenti erogati secondo il criteriodella spesa storica.

– Mantenimento degli attuali quattro sportelli amministrativi polifunzionali di Avigliana, Condove, Susa e Oulx.

– Mantenimento e potenziamento delle attività del Presidio Sanitario di Sant’Antonino di Susa, in particolare delle prestazioni di riabilitazione e recupero funzionale domiciliari.

– Rafforzamento e responsabilizzazione del ruolo del medico di medicina generale verso l’obiettivo di della cosiddetta “completa presa in carico” del cittadino e individuazione dei nuovi modelli di assistenza sanitaria di base che garantiscano una maggiore qualità dei servizi erogati;

– Aumento dell’informazione riguardante la sicurezza dei luoghi di lavoro e del controllo dell’assolvimento degli obblighi normativi per i cantieri e altresì dei rischi sulla salute generati da parte delle lavorazioni e delle industrie ad alto rischio di inquinamento ambientale.

– Informazione capillare ed aggiornata sui servizi erogati e sugli interventi ipotizzati dalla Direzione Generale nei vari territori dell’ASL TO3 ed una eventuale disponibilità ad incontri informativi da effettuarsi sul territorio;

– Coinvolgimento delle Amministrazioni nella programmazione delle azioni da attuare nel campo sanitario, con particolare attenzione alle politiche di prevenzione.

Le parti si impegnano, inoltre, a una verifica con cadenza semestrale degli impegni assunti.

Ovviamente non si condivide la chiusura del punto nascite poiché rappresenta un’ulterioreriduzione dei servizi nelle valli – spiegano i Sindaci  ma essendo indispensabile garantire la funzionalità dei presidi ospedalieri di Susa e Avigliana per l’intero territorio, ritengono comunque positivo il risultato raggiunto con i dirigenti dell’Asl to3 e la Regione Piemonte.

 

Bussoleno, 16 marzo 2015


FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.