SANT’AMBROGIO, IL SINDACO DICE BASTA ALLE DEIEZIONI CANINE ABBANDONATE: IN ARRIVO NUOVI CESTINI E SANZIONI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di NORMA RAIMONDO

SANT’AMBROGIO – Giro di vite dell’amministrazione comunale contro l’inciviltà. Per sensibilizzare la cittadinanza ed in particolare i proprietari di cani sul senso civico che, a giudicare dalle numerose lamentele che trovano spesso spazio anche in rete è venuto a mancare, il sindaco Dario Fracchia annuncia che a breve saranno posizionati, in più punti del paese, in primis nel centro storico, nuovi cestini dedicati alla raccolta delle deiezioni canine.

“In aggiunta a ciò – precisa il primo cittadino – abbiamo in previsione l’emissione di un’ordinanza che costringerà i proprietari di cani a munirsi sia di sacchetto che di una bottiglia d’acqua da utilizzare per sciacquare qualora il cane urinasse su muri o stipiti di portone”. La decisione è stata presa dopo aver verificato che, in alcuni punti, la situazione sul territorio comunale sia giunta veramente a livelli di indecenza: “Si tratta di un problema igienico ma anche di degrado ambientale – conclude il sindaco – e siamo fermamente intenzionati ad osteggiare questo malcostume, ricorrendo anche ai filmati delle telecamere, che si riveleranno utili per sanzionare chi non rispettasse il bene pubblico e le abitazioni private o gli esercizi commerciali”.

Il sindaco santambrogese precisa tuttavia come l’intento dell’amministrazione non sia quello di una repressione forzata, quanto piuttosto di un invito al rispetto del decoro urbano e della comunità. “Non vogliamo sanzionare e basta. Io stesso, più volte, dopo aver visionato alcune immagini, ho convocato nel mio ufficio od indirizzato mail ai responsabili. Spesso, è bastato questo per porre fine a comportamenti scorretti, che andavano ad incidere su tutta la collettività. Ho ricevuto qualche insulto, ma il più delle volte mi hanno ringraziato delle spiegazioni”.

Forte del suo ruolo di veterinario, Fracchia pone anche l’accento sul problema che, le urine in particolare, rappresentino per gli animali stessi. “Non si tratta solo di decoro urbano. Il cane si ammala se lecca o viene a contatto con le urine di un altro animale infetto. Sono situazioni da non sottovalutare, che possono portare malattie pericolose alle varie specie, con cure e costi che incidono notevolmente. Io sono più per l’educazione che per la repressione, quest’anno avremo anche dei vigili stagionali che svolgeranno servizio in borghese, ma la sanzione è l’ultima arma che abbiamo a disposizione per i più riottosi”. Il primo cittadino sta provando in tutti i modi a risolvere il problema e conta anche di andare nelle scuole a sensibilizzare gli studenti affinché veicolino il messaggio nelle famiglie. “Finora qualche piccolo risultato l’ho ottenuto e la situazione rispetto al passato mi sembra un poco migliorata, sono fiducioso che riusciremo a proseguire in questo senso senza dover usare le sanzioni come deterrente”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Una domanda,Si possono mettere dei cestini nella zona ciclabile direzione laghetto,io che raccolgo anche nei prati devo portarmeli fino casa,per me non è un problema le porto volentieri a casa mia,ma se ci fossero e meglio per tutti visto che anche li passano passanti e bambini e per la stradina ce di tutto ..

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.