SAUZE D’OULX, DAL 14 GENNAIO APRE LA SEGGIOVIA SUL NUOVO TRACCIATO DEL GENEVRIS: PER DUE STAGIONI LA GESTIRÀ LA VIA LATTEA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

img_7141

SAUZE D’OULX – Sarà attivata dal weekend del 14 e 15 gennaio la seggiovia triposto “Cote d’Pin Faure” sul nuovo tracciato “Pian della Rocca – Moncrons”. L’Unione Montana Via Lattea ha affidato la gestione dell’impianto alla Sestrieres Spa per due stagioni invernali, fino al 30 aprile 2018. Il collaudo ministeriale si terrà dall’11 al 13 gennaio, permettendo successivamente l’apertura al pubblico dell’impianto.  La messa in esercizio della seggiovia riposizionata comporta la dismissione della sciovia a fune alta “Moncrons”, di proprietà della Sestrieres. A tal proposito, l’Unione Montana della Via Lattea ha chiarito in un’apposita delibera di giunta che “la realizzazione della nuova seggiovia è da intendersi come sostituzione di un impianto pre-esistente”. L’amministrazione comunale di Sauze d’Oulx si è confrontata con la Via Lattea sulla fattibilità della gestione del nuovo impianto, a fronte dello smantellamento della vecchia sciovia. In base agli accordi presi negli scorsi mesi, eventuali costi aggiuntivi nella gestione della seggiovia verranno richiesti dall’Unione Via Lattea al Comune di Sauze. La Sestrieres pagherà un canone annuo simbolico di 100 euro per la gestione. Secondo il programma in vigore per l’area del Genevris, l’impianto sarà aperto tutti i sabati e i festivi dal 24 dicembre al 31 marzo, durante le vacanze di Natale e di Carnevale.  Tuttavia, l’Unione dei Comuni potrà emanare direttive per disporre periodi di apertura straordinaria, anche sull’orario giornaliero, e l’applicazione di tariffe particolari, facendosi ovviamente carico degli eventuali costi che saranno quantificati successivamente. Ad esempio, nelle spese di apertura occorrerà considerare anche l’apertura della sciovia “Tuassieres” e le battiture delle piste servite dai due impianti del Genevris. La Sestrieres dovrà volturare tutti i contratti relativi alle utenze: acqua, gas, energia elettrica ecc., restando unico responsabile nei confronti degli enti erogatori. Mentre l’Unione Montana Via Lattea dovrà prendere a proprio carico tutti i costi per l’esecuzione delle manutenzioni straordinarie e ordinarie, compresi gli interventi che saranno necessari secondo le nuove norme di legge, o che potranno essere richiesti dalle autorità amministrative e di vigilanza. Gli interventi saranno eseguiti dalla Sestrieres, previo accordo sui costi, ma l’onere economico rimarrà in capo all’unione montana.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Sarebbe anche molto interessante sapere quanto paga la Sestriere spa per gestire l’impianto…
    o come al solito il pubblico paga per costruire e poi paga anche la Sestriere per gestire l’impianto?
    Facile fare gli imprenditori quando a pagare sono sempre gli altri e a te non tocca altro che incassare i soldi dei biglietti……

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.