SCI, LA VIALATTEA DICE ADDIO ALLO STAGIONALE: ARRIVA IL MODELLO “TELEPASS”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

Addio “stagionale”: lo annuncia il presidente della Vialattea Brasso. Il clima pazzo di questo inverno ha costretto la società degli impianti ad escogitare nuove formule per i suoi utenti.

Ieri si è chiusa la stagione invernale 2015/2016 sulle piste della Vialattea, il comprensorio gestito dalla Sestrieres Spa che collega le montagne olimpiche alla Francia: da Pragelato a Monginevro passando per Sauze, Sansicario, Cesana, Claviere e Sestriere. Gli appassionati dovranno dimenticare le discese primaverili, che prolungavano l’inverno almeno per tutto aprile. Sestrieres Spa ha già messo nel dimenticatoio questi mesi, per concentrarsi sul prossimo anno.

Brasso si sarebbe ispirato al modello Telepass: fare pagare per quello che si scia ed oltre una certa soglia (forse le 22 giornate) si scierà gratis. C’è un costo fisso e ad ogni passaggio un addebito. Ciò significherebbe niente più coda alle casse: ci si presenta alle seggiovie e al primo tornello parte in automatico il pagamento. La tariffa, vicina a quella del giornaliero, potrebbe essere ridotta per le famiglie: il progetto è in fase di studio; al momento si starebbe cercando un accordo con le banche, sul fronte più tecnico delle transazioni.

Questa idea dovrebbe servire per fare risparmiare gli utenti, soprattutto in previsione di altri inverni come quello appena passato, dove la maggior parte dei tesserati non avrebbe raggiunto le 20 giornate, sprecando così una parte della quota.

L’addio allo stagionale collegato alla previsione di questo nuovo progetto sarebbe il primo caso in Italia, semmai diventasse realtà: un semplice sistema di quota fissa e sciate illimitate e per chi paga entro inizio novembre, c’è lo sconto: si spendono 750 euro (anziché mille), perché non si saprà ancora che inverno sarà. Lo sconto in cambio del rischio neve, accollato totalmente alla Vialattea.

Fino a quest’anno, per rientrare dell’investimento bisognava superare le 20 giornate di sci: un traguardo che, secondo la Vialattea, è raggiunto dal 60% degli abbonati. La media delle scorse stagioni, sui 6000 clienti, è di 24,5 sciate a testa: quest’anno si stima che sia scesa a 22,5 (ma il dato risente delle presenze degli agonisti, che si sono allenati comunque). Da dicembre la media corretta potrebbe essere 22.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. In Valle D’aosta c’è da almeno 5 anni … Certo che due mail per chiedere come funziona li no e….. Cmq al di la delle code alle casse con ci sono particolari sconti o promozioni e questo sarebbe da rivedere

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.