SCUOLABUS, I COMUNI NON POSSONO PAGARLO: LA CRISI DI GOVERNO BLOCCA LA MODIFICA ALLA LEGGE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UNIONE DEGLI ENTI E DEI COMUNI MONTANI (UNCEM)

La telenovela estiva degli scuolabus continua. Ma non finirà bene. “L’annunciata modifica al decreto legislativo 63 del 2017, prevista nel Decreto scuola, non arriverà entro l’inizio dell’anno scolastico. Approvato a inizio agosto dal Consiglio dei Ministri, salvo intesa dunque con possibili modifiche da fare, il Decreto scuola – evidenzia Marco Bussone, presidente Uncem – non sarà domani o nei prossimi giorni in Gazzetta Ufficiale. La crisi di Governo ha bloccato il provvedimento che conteneva la possibilità per i Comuni di cofinanziare o coprire interamente la cifra per il servizio scuolabus. Oggi questa possibilità, secondo la legge del 2017, ribadita in più sentenze della Corte dei Conti, non c’è. E tutti i Comuni che lo hanno fatto e che lo faranno, in base alla norma vigente, sono perseguibili. Non potrebbero farlo. Le modifiche richieste da Uncem e dai Sindaci, annunciate da molti Parlamentari, non ci saranno.

Cosa fare dunque? “Di certo i Comuni non interromperanno il servizio di scuolabus e continueranno a finanziarlo nella misura che ritengono più opportuna. Andranno contro la legge vigente per buonsenso. Per garantire opportunità e diritti. Il diritto alla scuola nei piccoli Comuni montani è tale solo se gli studenti possono raggiungere con lo scuolabus i plessi. È noto che i Comuni alpini appenninici o le loro frazioni che sono veri e propri paesi, non hanno tutti la scuola. Ci si deve spostare. Il costo del trasporto, fosse a carico delle famiglie, sarebbe ingente. E le obbligherebbe tutte ad andarsene. Uncem è d’accordo e sostiene i sindaci che non fermeranno il servizio, che andranno contro la legge vigente e faranno come hanno sempre fatto. Aspettando che il Parlamento approvi una nuova legge che modifichi la precedente, con lo stesso buonsenso che abita negli uffici dei Sindaci e nelle sale consigliari dei piccoli Comuni”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Non ho sentito pero’ La CORTE DEI CONTI esprimersi sul fatto che il tunnel del tav per i 3/4 francese sia PAGATO DAGLI ITALIANI per i 3/4. Li va bene , pagarlo coi soldi degli italiani, mentre lo scuolabus degli alunni italiani lo devono pagare le famiglie!! vergogna!! la corte dei conti da che parte sta?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.