SESTRIERE, AIUTI AI COMMERCIANTI? “SOLO ANNUNCI, FATTI ZERO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Andrea Colarelli

dal GRUPPO DI MINORANZA “RILANCIAMO SESTRIERE”

SESTRIERE – In un comunicato ufficiale consultabile sul sito del Comune, il vicesindaco Gianni Poncet ha annunciato “interventi concreti” a sostegno di albergatori e commercianti. Ma quanto annunciato corrisponde al vero?

Abbiamo letto la delibera a cui il comunicato fa riferimento pensando di trovare i dettagli delle misure promesse, invece abbiamo scoperto che l’unica cosa realmente approvata è il solo “differimento” da maggio a settembre del pagamento dovuto agli albergatori della tassa di soggiorno (anche se poi stranamente in delibera si specifica che, per chi volesse, rimane valida la possibilità di pagarla anche tutta a maggio).

Per quanto riguarda l’eventuale riduzione della COSAP relativa ai mesi di chiusura delle attività si legge in delibera che per ora è solo un’intenzione e che “verrà quantificata con un successivo atto”..attendiamo fiduciosi.

Per ciò che attiene invece alle misure a sostegno dei commercianti, l’amministrazione “si riserva di adottarle” solo dopo che “saranno resi noti gli aiuti governativi”, quindi non è detto che si facciano, e come minimo se ne parlerà non prima di luglio.

In pratica le misure a favore di negozianti, ristoratori, albergatori, maestri di sci ecc. sono ancora molto incerte, tutte da elaborare ma soprattutto ancora da quantificare. Allora ci chiediamo, a cosa serve una delibera che fa solo annunci e non decide nulla?

Nel frattempo invece le tasse non sono state bloccate. È di questi giorni la conferma definitiva di tutte le aliquote IMU 2020 che rimangono invariate rispetto allo scorso anno (già pubblicate sul sito del Comune) e a breve saranno da quindi pagare.

Nonostante le nostre proposte di riduzione delle aliquote presentate in consiglio comunale specialmente per andare incontro alle attività commerciali, Poncet e la sua maggioranza anche in questo difficile momento hanno deciso di farci pagare l’IMU per intero, esattamente come negli anni scorsi.

Al momento quindi, al di là delle numerose promesse (confuse e talvolta contraddittorie espresse nei comunicati stampa), nei fatti gli aiuti alle attività del paese sono ancora a zero.
(unica nota positiva, il recepimento di quanto deciso in sede di Unione dei comuni in merito alla realizzazione facoltativa di “nuovi” dehor esenti da tassazione per i primi due anni, ma solo a seguito di presentazione della necessaria pratica autorizzativa).

Per chi volesse approfondire e verificare quanto abbiamo scritto, di seguito si allega il link ove è possibile scaricare il testo integrale della Delibera di Giunta approvata il 30 aprile, che invitiamo a leggere attentamente in quanto unico documento ufficiale che fa fede e che illustra le vere decisioni (ma sarebbe meglio chiamarle vaghe intenzioni) assunte da Poncet e Rustichelli, prese in completa solitudine ed ancora troppo timide, in un momento in cui, per contrastare la grave crisi economica, il paese avrebbe bisogno di scelte amministrative coraggiose e non di inutili annunci.

I Consiglieri
Colarelli e Paleardi

2020-000255-1

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Strano, ho sempre pensato che lassù le menti politiche fossero più illuminate ma a questo punto mi devo ricredere, l’aria rarefatta della montagna non ossigena a sufficienza il cervello e quello che ne fuoriesce sotto forma di delibere di giunta é effettivamente una libera espressione della carenza di ossigeno. Peccato, con tutti i soldi che ci sono in certi bilanci comunali, con tutto quel avanzo di amministrazione, non solo si potrebbe fare qualcosa di concreto ma si potrebbe davvero dare un po’ di ossigeno alle partite iva; non sarà mica che si vuole unificare il tutto e la mancanza generale di ossigeno nell’aria sia un fattore che venga applicato anche ai commercianti? É vero che un sindaco non sindaco governa il comune ma non ce ne preoccupiamo perché è lo specchio del governo dove governa un primo ministro non eletto, ma almeno metta mano al portafoglio, mica se uno è braccino corto nella vita, deve per forza essere anche come amministratore.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.