LA SESTRIERES SPA ACCUSATA DI “DISASTRO AMBIENTALE COLPOSO” SULLE PISTE DI CLAVIERE E CESANA. SOTTO ACCUSA LA VIALATTEA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 134342965-b1cd8e5b-ef4c-480b-9375-aba730afba52

di VALENTINA PLANO

Si tratta di disastro ambientale colposo, nella nuova versione della legge sugli ecoreati, contestato per la prima volta a Torino dal pm Raffaele Guariniello. I lavori eseguiti nell’agosto dello scorso anno, avrebbero provocato smottamenti e cadute di rocce: è la prima volta che il reato viene contestato dal tribunale di Torino.

L’inchiesta coinvolge un responsabile della Sestrieres spa, la società che gestisce le piste e gli impianti di risalita del comprensorio della Via Lattea in Valsusa, che nell’agosto 2014 avrebbe effettuato una serie di lavori “abusivi” all’interno del progetto di adeguamento e messa in sicurezza delle piste nei comuni di Claviere e Cesana Torinese. I lavori hanno provocato smottamenti e cadute di rocce che mettono a rischio la tenuta della montagna nelle zone coinvolte dai lavori.

Il progetto preliminare sottoposto al vaglio della regione Piemonte era stato modificato, ma al momento dell’esecuzione anziché eseguire gli interventi previsti dal definitivo le imprese hanno eseguito i lavori vietati, smuovendo migliaia di metri cubi di terra non previsti in una zona sottoposta a vincolo ambientale, legata anche alla presenza di amianto nelle rocce.

Gli inquirenti indagano anche sulle posizioni dei sindaci dei due comuni, al momento non indagati, Lorenzo Colomb (Cesana) e Franco Capra (Claviere) che hanno il compito di vigilare sull’esecuzione dei lavori in conformità coi progetti presentati.

L’inchiesta del procuratore Guariniello nasce dal caso della morte del giovane Tommaso Martinolich, quattordicenne morto il 4 gennaio sulle piste di Claviere. Gli inquirenti nel tentativo di chiarire se fosse stato un incidente fuoripista hanno scoperto che lo sciatore si era schiantato perché la biforcazione che voleva imboccare non era ben segnalata, ma soprattutto che quella pista era nuova e frutto dei lavori vietati dalla regione Piemonte, il giorno dopo anche un maestro di sci ebbe un incidente nello stesso punto, tanto che il dirigente della Sestrieres è anche indagato per omicidio e lesioni colpose.

I consulenti di Guariniello hanno scoperto che diverse piste erano state modificate illegalmente e da lì è partita la nuova inchiesta. Il 14 agosto il sindaco di Cesana ha emesso un’ordinanza per la messa in sicurezza delle zone coinvolte dai lavori eseguiti “arbitrariamente dalla società Sestrieres spa”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.