SESTRIERE, TAVOLO DI LAVORO PER LO SVILUPPO TURISTICO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI SESTRIERE

SESTRIERE – Lunedì 6 maggio si è tenuto a Casa Olimpia Sestriere un primo importante incontro che ha visto la formazione di un tavolo di lavoro e coordinamento per lo sviluppo di iniziative turistiche mirate e di riferimento per il territorio di Sestriere.
Un gruppo di lavoro locale composto dal Comune di Sestriere, dal Consorzio Turistico Via Lattea, dall’Associazione Albergatori di Sestriere, dai Commercianti iscritti all’Ascom e dai non iscritti, nonché dalla Sestrieres Spa.
L’obiettivo è quello di mettere in pratica strategie comuni, condivise con la popolazione e le attività commerciali e turistiche, per migliorare il dialogo e l’operatività della stazione turistica alpina sia durante la stagione estiva che durante quella invernale. Promozione, comunicazione e accoglienza turistica sono i primi argomenti in agenda che questo nuovo gruppo di lavoro tratterà secondo un fitto calendario di incontri a breve scadenza.
“Dopo tanti anni siamo riusciti a metterci insieme per il bene di Sestriere e delle sue frazioni – hanno spiegato i partecipanti alla prima riunione – lavorando di concerto, siamo convinti di poter fare bene. Come tutti gli inizi non nascondiamo le difficoltà ma siamo concentrati e carichi, vogliamo già da subito dare segnali positivi e arrivare nel giro di pochi anni ad incidere fortemente e positivamente sull’andamento turistico di Sestriere. È la prima volta che tutti insieme lavoriamo proiettati e concentrati su un obiettivo comune che non vede pioverci addosso un evento, attraverso operazioni turistiche già decise a monte, ma attraverso un processo che ci permetta di confezionare ad hoc proposte turistiche su misura ottimali per la comunità e strutturali per il futuro di Sestriere”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Affinchè non rimanga solo un parlarsi addosso e magari anche un buttare soldi pubblici a vanvera, andrebbero in questi tavoli coinvolti coloro che sono oggetto di questa discussione: i turisti! E se non coinvolti direttamente nei tavoli, andrebbe meticolosamente raccolto un loro parere, i cosiddetti “consigli per il miglioramento”. Vai a sciare un giorno in Val Thorens e ti arriva una mail con questionario di gradimento/miglioramento…e dire che si è francamente in difficoltà a chiedere di migliorare ulteriormente una stazione simile. Invece con la Via Lattea è impossibile comunicare, nessuna chat, nessun social, esiste solo un form sul sito su cui puoi scrivere un messaggio, a cui stai pur certo non verrà mai risposto. A questi signori le critiche dan fastidio. Ma se non si parte da queste per migliorare le cose, difficilmente ci sarà uno sviluppo. Ma cosa gliene frega a tutti questi signori dello sviluppo quando loro fan soldi a palate pure così? Cosa gliene frega di creare opportunità per gli altri quando qualunque attività, cariche pubbliche incluse, è in mano a 4 famiglie? Cosa gliene frega dello sviluppo, quando l’atteggiamento di molti esercenti e commercianti è quello di arraffare al turista tutto quello che può oggi e trattarlo pure male, tanto se non torna , ci sarà qualche altro pollo da spennare. Signori, non è che queste cose sono un mio parare, ma sono i commenti che normalmente si sentono e di fronte ai quali ci si sente dire: beh se non vi sta bene così,andate all’estero! Signori dei tavoli per lo sviluppo, se veramente volete promuovere lo sviluppo in Alta Valsusa, prima di pensare a cose mirabolanti o grandi investimenti, dovete lavorare sulla mentalità!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.