SESTRIERE: UN ALBERGATORE RIAPRIRÀ LA PISCINA, MA IL PALASPORT RIMANE CHIUSO E SENZA GESTORE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La piscina e il palasport di Sestriere

SESTRIERE – Una notizia cattiva, una buona e una “incerta” per quanto riguarda l’apertura della stagione turistica di Sestriere, che fra un mese prenderà il via. Iniziamo da quella buona: la piscina comunale riaprirà i battenti grazie all’interesse di un albergatore, che ha inviato una proposta al Comune per la gestione dell’impianto alle stesse condizioni previste dal bando andato deserto un paio di mesi fa. La notizia è stata resa nota dal sindaco Marin in consiglio comunale, a seguito dell’interpellanza presentata dal consigliere di minoranza Paleardi: “La piscina rileva un probabile problema gestionale – ha detto Marin – da parte dei gestori uscenti…in relazione ai canoni che i gestori avrebbero dovuto pagare al Comune ci sono alcune pendenze non onorate, di importo comunque inferiori ai debiti che ha il Comune nei confronti del gestore uscente. Pertanto i crediti sono garantiti”.

La notizia brutta invece riguarda il palazzetto dello sport. Dopo l’abbandono anticipato dei gestori, anche l’altro ente che avrebbe potuto riaprire l’impianto ha risposto picche al Comune. L’associazione sportiva Asi (Alleanza Sportiva Italiana) era arrivata al secondo posto nel vecchio bando di gestione e “di diritto” avrebbe potuto subentrare ai vecchi gestori. Il 20 ottobre avevano anche fatto un sopralluogo per vedere il palasport. Ma una settimana dopo il presidente dell’associazione Claudio Barbaro ha inviato una lettera al Comune, spiegando che “in base ad una analisi approfondita della situazione gestionale del palazzetto dello sport, non riteniamo opportuno subentrare nell’affidamento dell’impianto per la corrente stagione sportiva”. L’Asi si è detta disponibile a “future collaborazioni”, ma in questo momento non vogliono prendersi in carico la riapertura del palasport comunale.

La notizia “incerta” invece riguarda il cinema: un’altra struttura pubblica che il Comune non è riuscito ad affidare in gestione. “Si tratta di un momento non felice per le sale cinematografiche in generale – ha spiegato Marin, rispondendo all’interpellanza di Paleardi – abbiamo intenzione di bandire una seconda gara d’appalto con condizioni economiche diverse, che potrebbero prevedere un contributo di gestione generale ed un contributo di gestione in conto utenze”.

Sestriere copierebbe così quanto viene fatto da altri Comuni che possiedono simili strutture. Anche per quanto riguarda i conti del cinema Fraiteve e la vecchia gestione “ci sono alcune pendenze per i canoni che sono di importo comunque limitato – ha aggiunto Marin – il bando andato deserto prevedeva che a carico del Comune ci fosse già l’attrezzatura digitale”. Infine, il sindaco ha affermato che la sala del cinema “potrebbe essere utilizzata anche per ospitare congressi e convegni, in accordo con gli albergatori”.

L’opposizione non è rimasta molto contenta delle risposte date dal sindaco. L’ex primo cittadino Colarelli ha rimarcato che “a Sestriere c’è una situazione preoccupante, in quanto non si può aprire la stagione invernale con queste strutture turistiche chiuse al pubblico”. Dello stesso avviso il consigliere Paleardi, che pur ringraziando il sindaco per le risposte fornite, ha sottolineato che al Colle per questi problemi “c’è una situazione poco idilliaca”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Sono proprietario in una multiproprieta e sono rimasta sconvolta da come l’amministrazione comunale trascura non solo quanto sopra ma perfino la piazza centrale che e piena di buchi porfido non sistemato e la cittadina che ai tempi era conosciuta in tutto il mondo è finita per essere un luogo abbandonato e triste .Ho assistito personalmente all’arrivo di turisti venuti dall’america che sconsolati dopo un lungo viaggio a meta ottobre non hanno voluto nemmeno fermarsi per una notte.EPpure il comune grazie a migliaia di appartamenti incassa milioni che se è pur vero che una parte va al governo buona parte ritorna al comune con destinazione vincolata al buon mantenimento del territorio. Solo la neve riesce a coprire la sciatteria del paese.

  2. Volevo rispondere all ‘ albergatore.
    In questo paese chi entra in politica ha trovato il posto fisso , il salario e assicurato.vitalizzi ecc sono le loro preoccupazioni
    Ma del bel paese non frega niente a nessuno.pensa ai terremotati di Amatrice Norcia.in Irpinia Litalia e piazzata tutta cosi.e un mangia mangia.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.