SICUREZZA INFORMATICA: È NECESSARIO INVESTIRE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Sicurezza informatica: è necessario investire

Oggi più che mai, con la società e le imprese che procedono speditamente lungo la via della digitalizzazione, non si può fare a meno di investire nella sicurezza informatica, ossia in quel settore che nasce e si sviluppa proprio in funzione della tutela dei sistemi digitali.

Perché investire nella sicurezza informatica

I dati circolano ovunque: registrarsi su un portale e fornire il proprio indirizzo di posta elettronica, la propria password e altri dati personali, magari includendo anche quelli della carta di credito nel caso dell’acquisto di un bene o un servizio online, sono procedure che chiunque compie quotidianamente. In alcuni settori piuttosto che in altri, tuttavia, è fondamentale che questi dati siano tutelati dal portale cui ci si sta affidando. A titolo d’esempio, i siti di slot online più affidabili garantiscono la sicurezza delle informazioni fornite dai loro utenti e dispongono della licenza ADM (rilasciata cioè dall’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli), necessaria a operare sul territorio fisico e virtuale italiano.

Si tratta dunque di un requisito necessario per poter operare nell’alveo della legalità e garantire la sicurezza delle transazioni.

Guardando ad alcuni dati relativi all’argomento, si stima che:

  • Oltre l’85% delle violazioni ai protocolli di sicurezza informatica avviene per errore umano;
  • Oltre il 95% dei malware che attaccano utenti pubblici e privati vengono recapitati tramite e-mail;
  • Il 70% degli attacchi informatici a istituti pubblici e imprese ha come obiettivo lo spionaggio o il sabotaggio della vittima o, in alternativa, una richiesta di riscatto dietro minaccia di non sciogliere il blocco digitale o di divulgare i dati sensibili in possesso dell’azienda o dell’ente;
  • In casi percentuali minori, l’obiettivo può essere il furto delle credenziali o, direttamente, il furto dell’identità della vittima dell’attacco informatico.

Cybersecurity: le caratteristiche di una connessione sicura

Quando si pensa dunque all’ambito di intervento principale in termini di sicurezza informatica, al primo posto deve essere collocata la CIA, un acronimo che fa riferimento a:

  • Confidenzialità: ossia alla possibilità che i dati e i file messi in rete possano essere letti o aperti soltanto da mittente e destinatario, e non da soggetti terzi;
  • Integrità: la certezza che i dati immessi in rete non vengano in alcun modo violati, modificati e manipolati da soggetti terzi;
  • Accesso: da intendere come la possibilità di accedere ai propri dati e file in qualsiasi momento, senza che soggetti terzi blocchino l’utilizzo del sistema, con strumenti di criptografia o strategie di sovraccarico.

La sicurezza informatica è un campo di investimento che non può essere trascurato, e questo vale ormai per tutti i settori e gli ambiti dell’economia che prevedono la circolazione di dati e informazioni preziose per gli utenti. Investire nelle nuove frontiere della cyber security è dunque una priorità tanto per le aziende e gli enti in sé, quanto per i cittadini che a essi si rivolgono.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.