SPARATORIA DI GIAVENO, CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER OMICIDIO VOLONTARIO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

GIAVENO – Il pm Smeriglio ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per i tre giavenesi coinvolti nella sparatoria mortale del 12 gennaio al rifugio dell’Aquila: Eric Romano, il papà Claudio e il cugino Manuel Morisciano.

L’accusa per i tre è pesante: concorso in omicidio volontario, aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Il tutto nacque da un litigio tra i motociclisti e i due giovani cugini, che dopo il primo diverbio scelsero di tornare sul piazzale armati di due pistole.

Uno dei colpi sparati quella sera da Erik ferì a morte il motociclista valsusino Alessandro Gino, di Villar Focchiardo. Il proiettile venne sparato a terra verso l’asfalto e la pistola non è stata puntata contro Gino, ma colpì di rimbalzo la vittima alla testa.

Mentre  un altro biker degli Hell’s Angels, Pierluigi Ozello, venne investito da una delle auto con a bordo i tre giavenesi, perdendo l’uso delle gambe (per questo secondo episodio l’accusa della procura è di tentato omicidio).

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.