SUSA, ACCORDO PER LA CURA DEL GIARDINO PUBBLICO A COLDIMOSSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Dall’approvazione del Regolamento sui Beni Comuni questo è il quinto Patto che l’Amministrazione Comunale stringe con cittadini attivi. È un Patto che nasce su proposta di collaborazione avanzata dal Centro Diurno per Disabili “Il Filo di Arianna” che ha sede ed opera da ormai dieci anni presso le ex scuole elementari della Frazione Coldimosso. Il Patto è stato sottoscritto in Comune alla presenza dei referenti del Centro Diurno per Disabili, del sindaco Genovese, dell’assessore Pelissero e del comandante della Polizia Municipale  Massavelli che ha seguito la stesura del provvedimento.

Nella specifico quali sono i punti più significativi di questo nuovo Patto?

1) Gestire l’area verde in Frazione Coldimosso, attraverso interventi di cura e risistemazione al fine di preservarne il più possibile il decoro.
2) Risistemare gli arredi urbani e i giochi in legno esistenti.
3) Costruire e gestire una casetta in legno per conservare libri da mettere a disposizione per la lettura all’interno del giardino (misure e materiale saranno definite con l’Ufficio Tecnico del Comune).
4) Collocare una casetta porta buste e cestino per la raccolta delle deiezioni canine (misure e materiale da definire con l’Ufficio Tecnico del Comune).
5) Ricaricare periodicamente la casetta con le buste nuove e svuotare il cestino.
6) Organizzare un evento dedicato alla presentazione dell’attività svolta.
7) Creare nuovi arredi urbani per la Frazione di Coldimosso.

Come per gli altri Patti, le modalità operative e gli obiettivi del Patto di Collaborazione mirano a implementare il controllo e la “custodia” dell’area verde, ma, in nessun caso, si intenderà sostituito il ruolo di vigilanza istituzionalmente attribuito al Corpo di Polizia Municipale nonché degli altri Servizi competenti della città.

Marco Ibba (responsabile centro diurno disabili di Coldimosso): “Il centro diurno “Filo di Arianna”, gestito dalla cooperativa sociale “Il sogno di una cosa”, è ubicato da dieci anni presso la borgata di Coldimosso ed ospita ogni giorno quindici adulti con disabilità residenti presso la media e l’alta valle. Abbiamo aderito all’iniziativa del Comune di Susa, e attraverso la firma di un patto di collaborazione, ci impegneremo nella cura del giardino pubblico presente in borgata e confinante con il giardino della nostra struttura. Attraverso l’impegno attivo dei nostri frequentanti e degli operatori, ci attiveremo nella piccola manutenzione dei giochi presenti, collocheremo e gestiremo una casetta in legno per il book-crossing,  renderemo funzionante la casettina per la distribuzione dei sacchettini per cani che il Comune si occuperà di collocare nel giardino. Il tutto rientra precisamente nella progettualità del nostro servizio che da anni è impegnata nel diffondere una nuova visione delle persone con disabilità e dei servizi che se ne occupano, non solo come utenti da assistere ma anche come “cittadini” che, pur nel limite delle loro possibilità, possono dare il loro contributo come cittadini attivi”.

Sindaco Piero Genovese: “Un grazie al Referente del Centro Diurno Marco Ibba e a tutti i suoi collaboratori e grazie anche agli uffici della città per questo risultato ed in particolare all’Area Vigilanza ed al suo Comandante, dott. Marco Massavelli, che ha seguito direttamente tutta la fase istruttoria fino alla sottoscrizione del patto”.

Assessore Giuliano Pelissero: “Sono soddisfatto del lavoro svolto fino a qui. Partivamo da zero ed ora siamo nelle condizioni di poter dialogare a pieno titolo con Amministrazioni che vantano anni di esperienza sulle tematiche sulla cittadinanza attiva”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.