SUSA CONTRO LE MOTO RUMOROSE: VIA LIBERA AL SEQUESTRO SE DISTURBANO LA QUIETE PUBBLICA. VERTICE SULLA SICUREZZA TRA SINDACO E FORZE DELL’ORDINE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  

Si è svolto oggi un incontro tra il Sindaco Sandro Plano, Il Comandante dei Vigili Ennio Caffo, il Capitano dei Carabinieri Flavio Pieroni, l’Ispettore della Polizia Stradale Ezio Aime e il Capitano della Finanza Mattia Altieri  per coordinare l’azione delle Forze dell’Ordine sul controllo della velocità e del rumore delle motociclette e dei motorini sulle strade statali e nel centro cittadino. Questa iniziativa è mirata alla tutela della sicurezza dei cittadini e degli stessi motociclisti dato che il numero di incidenti in questi anni ha raggiunto livelli preoccupanti. I controlli sulla rumorosità delle marmitte potranno anche portare al sequestro dei veicoli qualora si raggiungano livelli tali da recare disturbo alla quiete pubblica.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. era ora, la quiete il silenzio e la tranquillità è di diritto di ogni individuo, dagli anni 80 si applicavano queste leggi, ma il costume e sempre andato peggio , quindi un pò di rumore in ,meno non guasta… chi vuol far rumore vada in pista, chi lo fa in centro abitato, deve pagare come è disposto a disturbare…

  2. Decine di furti negli alloggi in tutta la valle praticamente tutte le sere e le forze dell’ordine vengono potenziate di giorno per le moto… Complimenti caro sindaco!!!

  3. Penso che a tutto ci va della moderazione, il sequestro del motociclo per avere la passione della moto non è punibile con un sequestro, secondo me è solo per fare cassa.
    Una cosa le piste se sarebbero meno costose ci si potrebbe accedere tranuillamente ma 220 € x una giornata in pista penso sia veramente eccessivo, poi la passione della moto rimane anche su strada, ciò non toglie che bisogna usare il buonsenso.

  4. Era ora. Perché non si applica a tutto il territorio Italiano? Me lo sono sempre chiesto. Non c’entra niente la passione. Ci sono moto potentissime e silenziose. Harley meno veloci di un cavallo (vero) che fanno rumore come un F16…. Che c’entra la passione? Credo che uno psicologo potrebbe dare la sua interpretazione… del tipo…. “Faccio rumore …. quindi esisto…..”. Psicoterapie di gruppo ai decibel-dipendenti !!!!!

  5. Sono motocilcista da oltre vent’anni e penso che controllare e sanzionare chi corre troppo sia assolutamente giusto, anche chi ha montato scarichi esageratamente rumorosi deve mettersi in regola. Tuttavia questi controlli dovrebbero essere estese anche ad altre categorie di veicoli come le numerose auto tuning che spesso montano accessori assolutamente fuorilegge e circolano indisturbati. La legge deve essere uguale per tutti non solo sulla carta.

  6. Le sanzioni andrebbero estese in tutta italia. Basta con queste moto i cui proprietari spendono quattrini per renderle più rumorose !!! e poi a che scopo? perchè la gente si giri al loro passare? Abito in una zona trafficata e le moto con la marmitta alterata sono un vero supplizio!!

  7. io ho una casa a fr. barcenisio sopra susa… vi dico tutto fumo… non hanno fatto nulla… lassù ci sono le corse da quando aprono il valico a quando lo chiudono tutti i giorni tutto il giorno !!!
    comprando la casa credevo di utilizzarla x riposarmi…..ma è impossibile.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.