SUSA, TABACCAIO MULTATO DALLA FINANZA PER AVER VENDUTO SIGARETTE A 14ENNE. SEQUESTRATI A BRUZOLO 4 CHILI DI SIGARETTE CLANDESTINE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino ha eseguito nei giorni scorsi una serie di controlli nei confronti di rivendite di tabacchi, al fine di verificare l’osservanza del divieto di vendita ai minorenni.

L’azione svolta dal personale della Compagnia di Susa, si è principalmente incentrata sulle rivendite poste all’interno delle stazioni ferroviarie e degli istituti scolastici.

Ed è proprio in un’esercizio di Susa, adiacente ad una scuola, che i finanzieri hanno colto in flagranza un rivenditore che poco prima dello squillo della campanella delle 8 aveva venduto un pacchetto di sigarette ad un quattordicenne (in violazione al “D.L. Balduzzi” che prevede che chiunque venda prodotti del tabacco abbia l’obbligo di chiedere all’acquirente, all’atto dell’acquisto, l’esibizione di un documento d’identità).

Il tabaccaio ora rischia una pena pecuniaria da 250 a 1000 euro. Se la violazione fosse reiterata, la sanzione è da 500 a 2.000 euro con l’aggiunta della possibile sospensione, per tre mesi, della licenza.

In un negozio di Bruzolo, invece, le Fiamme Gialle segusine hanno sequestrato 4 chilogrammi di sigarette commercializzate senza la prescritta autorizzazione.

In questo caso il titolare rischia la sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività per un periodo non inferiore a cinque giorni e non superiore ad un mese.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.