TAV E IPOTESI SMARINO A SUSA, TELT REPLICA AI SINDACI: “TUTTI I PASSAGGI VENGONO CONDIVISI CON GLI ENTI INTERESSATI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Sull’ipotesi che Susa ospiti il deposito dello smarino del cantiere Tav per i problemi nell’area di Salbertrand (notizia pubblicata su ValsusaOggi e resa nota dal Movimento No Tav sabato 5 settembre a Susa), dopo le dichiarazioni del sindaco Piero Genovese pubblicate su ValsusaOggi e il comunicato critico dei sindaci della bassa Valsusa contro Telt e Regione Piemonte, interviene direttamente Telt, società che deve realizzare e gestire la Torino – Lione.

Telt ha dichiarato ieri che “In merito all’area di Salbertrand destinata a ospitare la fabbrica dei conci della Torino-Lione, non esiste alcuna variante al progetto approvato nel 2018 e che gli approfondimenti in corso con le amministrazioni interessate riguardano possibilità già previste nelle prescrizioni del Cipe. Un lavoro specifico è dedicato alla risoluzione dell’annoso problema ambientale presente sull’area di Salbertrand, che finalmente può trovare una soluzione”.

Ma il Comune di Susa o gli altri Comuni della bassa Valsusa erano a conoscenza oppure no dell’ipotesi di ospitare a Susa lo smarino del cantiere Tav di Chiomonte?

“Assicuriamo che l’intero percorso viene portato avanti in modo trasparente e che tutti i passaggi vengono condivisi con la Regione Piemonte e gli enti territoriali interessati” ha dichiarato in merito Telt.

Se quanto affermato dalla società Telt corrisponde al vero, occorrerà quindi approfondire il tema e capire quali siano, oltre alla Regione Piemonte, gli “enti territoriali interessati” con cui sono state condivise queste informazioni sul problema dello smarino tra Salbertrand e Susa, con l’ipotesi del deposito nella zona Autoporto.

Infatti sia l’Unione Montana Valsusa che il Comune di Susa hanno dichiarato di non aver ricevuto informazioni in merito da Telt e da Regione, al punto da chiedere maggior trasparenza.

Il sindaco di Susa Genovese ha dichiarato su ValsusaOggi: “Alla Città di Susa non è mai stata presentata la possibilità di deposito temporaneo dello smarino al sito dell’autoporto”.

Anche i sindaci della bassa Valsusa hanno comunicato che “Regione e Telt hanno iniziato a discutere questa ipotesi senza il minino coinvolgimento degli enti locali di questo territorio”.

Chi mente?

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Sicuramente fare un buco di 50 km in una montagna un poco di detriti di scarto ne produce. Visti comunque i tantissimi favorevoli alla moderna ferrovia si può suggerire di conferire una camionata di smarino presso l’abitazione di ogni si tav. Rafforzerebbe il fronte dei favorevoli i quali contribuirebbero in modo effettivo ed efficace alla realizzazione dell’opera.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.