TAV, I SINDACI DELLA VALSUSA AL TAVOLO DELL’OSSERVATORIO: “DAL 2024 I LAVORI A SUSA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DELL’OSSERVATORIO DELLA TORINO-LIONE

TORINO – Si è riunito martedì 25 ottobre nella sala del Consiglio della Città Metropolitana di Torino il tavolo dell’Osservatorio della Torino-Lione dedicato ai cantieri della tratta transfrontaliera. Alla prima riunione dell’organismo istituito a luglio dal Presidente Calogero Mauceri, erano presenti Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, le Unioni Montane, il Prefetto di Torino, i sindaci dei Comuni interessati dai lavori (Chiomonte, Giaglione, Salbertrand, Susa, Torrazza Piemonte) e TELT, promotore pubblico incaricato della sezione internazionale. I sindaci di Bussoleno, San Didero e Bruzolo invece erano assenti alla riunione, rispetto a quanto erroneamente riportato dal comunicato stampa dell’Osservatorio.
Al centro dell’incontro c’è l’evoluzione dei lavori nei prossimi mesi: alla luce di tutte le approvazioni ministeriali previste per i lavori definitivi, entra nel vivo la nuova fase dell’opera.
La riunione è stata aperta dal Presidente Mauceri che ha ricordato lo spirito dei tavoli: “Creare momenti istituzionali di aggiornamento e confronto di tutti gli attori interessati, in uno spirito partecipativo e collaborativo tra tutti gli attori”. TELT ha aggiornato i sindaci sulle lavorazioni in corso in Italia (3 cantieri attivi a Chiomonte/Giaglione, San Didero e Salbertrand); inoltre ha confermato che nei primi mesi del 2023 si concluderà la gara per lo scavo del tunnel su territorio italiano, che significherà una svolta per la cantierizzazione italiana dell’opera transfrontaliera.
Il promotore pubblico ha presentato dettaglio, collocazione e timing dei lavori per i prossimi anni: 4 siti per altrettante lavorazioni nel 2023 tra Chiomonte/Giaglione, San Didero e Salbertrand (autoporto, svincolo, Maddalena e sito di valorizzazione), incluso l’avvio dei lavori per il tunnel in cui passeranno i treni. A partire dal 2024, si aggiungeranno i lavori alla Colombera a Chiomonte e quelli a Susa e Torrazza; nel 2025 i cantieri saranno a regime, con i siti di Maddalena e Colombera a Chiomonte, e poi Susa, Salbertrand e Torrazza.
Ai sindaci sono stati illustrati obiettivi e modalità operative di ciascun sito, il recepimento delle prescrizioni ministeriali, le attività di monitoraggio ambientale e sulla salute dei cittadini che accompagnano i lavori sul territorio; per i cantieri maggiori, sono state presentate le soluzioni di viabilità progettate ad hoc al servizio dei lavori, con l’obiettivo di non interferire con la mobilità locale ordinaria.
Ai Sindaci sono stati ricordate inoltre le opportunità offerte dalla realizzazione della nuova linea: la nuova occupazione con i 1000 addetti diretti previsti a regime; la creazione di attività economiche di indotto, con circa altrettanti lavoratori indirettamente connessi con i cantieri; le opportunità di ospitalità delle maestranze esterne al territorio nei Comuni interessati. TELT ha inoltre restituito ai membri del tavolo l’esperienza dei 7 cantieri in corso in Francia, su cui si stanno già verificando ricadute occupazionali dirette e indirette grazie all’attivazione di tutti i meccanismi di accompagnamento alla realizzazione dell’opera messi in campo.

TAV, I LAVORI PROGRAMMATI PER LA VIABILITÀ NELLA PIANA DI SUSA 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Il Sindaco del Comune di San Didero non era presente all’incontro. Il Comune è uscito da anni da quel tavolo e non intende rientrarci.

  2. Cos’è un “sito di valorizzazione”?
    Tento un’ipotesi: Il campo di battaglia di El Alamein (Quello dove mancò la fortuna non il valore).
    La coincidenza delle date giustificherebbe l’ipotesi.
    L’epica battaglia di ottant’anni ebbe inizio il 23 ottobre e già al suo terzo giorno, giusto come fosse oggi, era parecchio incandescente.

  3. Nel dubbio di Eddy sulla scelta del verbo vince il primo: INIZINO,
    perché se continuano quanto hanno fatto sino ad ora questa doppia canna “fatta in fretta e bene” sarà ben difficile vederla per tutti i nati nel XX secolo.
    Per il dubbio di Eddy sul “sembra tutto ok….”
    rinvio al commento di شهرزاد, Shahrazād (cioè mio) sull’accordo TELT Regione per l’individuazione, selezione e formazione dei futuribili assunti.

    • Grazie, sig* Shahrazād! Cercavo solo di essere ottimista, eh eh eh!
      Essendo comunque nato in mezzo al xx secolo penso anch’io alla difficoltà di vedere l’opera finita… E che, mica è il ponte Morandi!!
      Buona serata!

  4. Ringrazio il sindaco di Avigliana per aver partecipato ai tavoli dove si assegnavano le compensazioni e aver portato a Avigliana opere compensatorie, evitato il passaggio dei treni AV sulla linea tradizionale limitando i rumori e per la costruzione della nuova stazione AV a Avigliana che porterà passeggeri e risolleverà la morta Avigliana. Grazie grazie grazie . Altro che il sindaco di Susa No TAV duro e puro che a Susa non ha portato nulla.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.