TAV, IL SENATORE SCIBONA SMASCHERA LA “BALLA” SULLA NORMATIVA ANTIMAFIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

10420415_504280173065817_1002477428283623440_n

di MARCO SCIBONA (Senatore 5 Stelle)

Alcune agenzie hanno dato la notizia che agli appalti dei lavori per la realizzazione della parte transfrontaliera della nuova linea Torino Lione verrà applicata la normativa antimafia italiana. Secondo le agenzie la normativa antimafia verrebbe applicata in forza di un regolamento emesso dalla Commissione intergovernativa italo francese (CIG).

Anche un studente al primo anno di giurisprudenza capirebbe come tale informazione è errata. Infatti a seguito dell’accordo Italia Francia del 2012, divenuto legge in Francia e Italia con le rispettive ratifiche, il diritto applicabile agli appalti (vedi art. 6.5 comma 2°) è solo quello francese.

L’accordo infatti è una “Legge dello Stato” e quindi per introdurre la normativa antimafia italiana bisognava abrogare il predetto articolo 3 attraverso il nuovo accordo di Venezia di quest’anno.

Nulla di tutto ciò è avvenuto. Nell’accordo del 2016 è solo prevista una generica lotta alla criminalità, nonché la previsione di un regolamento della Commissione intergovernativa italo francese (CIG). Questo regolamento, emesso recentemente da una commissione non avente competenza legislativa, proprio in quanto tale non è un atto avente forza di legge.

Tale regolamento, non essendo stato trasfuso nell’accordo del 2016 – essendo successivo – non potrà modificare i rispettivi ordinamenti giuridici. La situazione attuale è immutata: il codice antimafia e le interdittive continueranno ad essere inapplicabili ai lavori transfrontalieri della Torino Lione

Tra l’altro, come affermato dall’avvocato Massimo Bongiovanni del Foro di Torino per poter applicare anche in Francia la predetta normativa dovrebbe essere approvata un apposita legge dal parlamento francese e non certo un mero regolamento da parte della CIG.

Già abbiamo visto quanto è stato inefficace il protocollo di intesa tra gli operatori della Torino Lione e la Prefettura di Torino che non ha impedito la supposta penetrazione del’ ndrangheta nel cantiere di Chiomonte attraverso una ditta che ricevette il sub appalto per asfaltare le strade del cantiere ad uso della Questura – circostanza attualmente in corso di accertamento al processo San Michele – … per quanto ancora Governo e maggioranza neutralizzeranno gli strumenti delle autorità competenti per contrastare l’infiltrazione mafiosa nelle Grandi Opere?

Marco Scibona, Senatore M5S – Segretario 8a Commissione Lavori pubblici, comunicazioni.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.