TAV, IL SINDACO DI SUSA: “IL RUOLO DEI SINDACI DELLA VALLE NON PUÒ ESSERE DI OPPOSIZIONE O A TRAINO DELL’OPERA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Il nuovo sindaco di Susa ha espresso alcune opinioni sulla questione Tav, intervistato su RaiTre durante la trasmissione “In mezz’ora” di Lucia Annunziata. Per Genovese “il ruolo del sindaco o dei sindaci di Susa o della Valsusa non può essere di traino o di opposizione a un’opera così importante (il Tav ndR). Riteniamo che la decisione dell’opera debba essere assunta dai governi nazionali e dall’Europa. Nel difendere il territorio che amministriamo dovremmo metterci in una posizione di tutela, minimizzando gli effetti negativi che l’opera necessariamente comporterà nella sua realizzazione”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

23 COMMENTI

  1. Senza i cosiddetti notav l’opera sarebbe già iniziata nel suo primo progetto originario pieno di cemento e devastazione..è grazie ai notav che il progetto è “migliorato” parecchio (si fa per dire, rimane un’opera dispendiosa in termine ambientale e economico, perlopiù paghiamo coi nostri soldi anche per una buona tratta in territorio francese, e i sitav sono pure contenti di questo regalo di $…) per cui, appunto, la figura di Sindaco è stata rilevante nella lotta notav, benché non ha poteri legislativi ma la figura di Sindaco è sopratutto come un rappresentante istituzionale di riferimento del voce collettivo e territoriale del popolo. E la sua risposta al tv denota solo una svalutazione della figura del Sindaco come in un mero ruolo in cui un robot può svolgere questo compito, in una posizione di supinazione. Mi dispiace molto per i segusini, voi meritate una “forte” figura istituzionale anziché uno “debole” come un burattino. Ai posteri l’ardua sentenza

    • Non ho capito: perché non può essere di opposizione o di traino? Se una delle due soluzioni (costruire o non costruire il TAV) corrispondesse al bene dei cittadini un sindaco non dovrebbe/potrebbe incoraggiarla, magari cercando di stimolare il governo?

      • Il problema sta proprio qui, una debole figura istituzionale cosa può trarre i massimi vantaggi per il territorio? Ma lei cosa si immagini che alle tavole “rotonde” cosa può dettare i condizioni se parte con un comportamento da burattino? Genovese non può mica dire SI TAV e nello stesso tempo pretendere i massimi vantaggi davanti ai dirigenti, è incoerente già di suo, peraltro la posizione del sindaco è l’ultimo dei carri e non può mostrare i muscoli altrimenti riceve le risate dagli stessi dirigenti, delle bacchette alle mani o una carezza come si fa ai cani! Nell’ambito della politica si arriva spesso ai compromessi, avrei preferito vedere un sindaco forte, si avranno più vantaggi per il territorio ma meno della metà dei segusini hanno voluto eleggere un sindaco senza controca*zi, e questo qui parla a titolo di tutti..Peggio per voi

        @film fantasy evito di risponderla, si vede chiaramente che non ha mai letto le carte del primo progetto nè l’ultimo progetto disponibile, ma si è basato solo sulla propaganda. Vada a studiare

        @tutti altri, si sbagli chi pensa che io sono a favore di Plano, lui è gia incoerente di suo in molte cose e più volte si è dimostrato non all’altezza quando c’era da mostrare i muscoli. A Susa avrei voluto vedere un sindaco molto cattivo, una persona diabolica che sappia farsi valere davanti ai superiori, non uno come Genovese o uno come Plano.

        Come già detto, ai posteri l’ardua sentenza, ma se uno pensa che i notav sono ormai al viale del tramonto, si sbagli di grosso..vedasi l’altra sindaca Gemma e tutti gli altri meteoriti, che come arrivano all’improvviso, come spariscono all’improvviso, madamin docet. I notav hanno basi solidi, un movimento trentennale non può aver durato così a lungo se si è basato solo sull’ideologia politica..spiace vedere qui gente che odia i notav solo perché alcuni dei loro hanno portato la bandiera rossa, dimenticando il nocciolo della questione, ciò che porterà devastazioni in Valle e buco nei bilanci per l’Italia intera. C’è chi gode delle disgrazie, miserabili.

      • Che si usino i soldi per il cavolo non rode il sedere ma i si tav che rispondono su FACEBOOK di non sapere quale lavoro portera’ fa intendere che la questione e’ politica e sinceremente lei amera’ farsi insultare dai francesi a me non piace ne mo piace pagare le tasse per pagare la loro Tav…quelli sono soldi italiani e chi li da via cosi’ non e’ coerente….
        Ma fotse il mondo ha ragione quando dice italiani pizza mafia mandolino…..chissa’ perche’ la definizione ormai non sorprende piu’.Di certo e’ che il Signor si tav che mi ha scritto lei non sa chi sono io ( npn so se pareva na minaccia, mah) ha detto che qualcosa portera’! Manco sapete chi serve e come diceEmilio Fede che figura…..

        • Come al solito non si capisce niente: bisogna mettere in ordine le idee e rileggere 2 volte prima di pubblicare un post.

    • Senza i cosiddetti NoTav l’opera sarebbe già finita e staremmo qua a parlare di altro. Oltretutto, in cosa esattamente il progetto sarebbe “migliorato” ?

  2. Peccato, è stato bloccato o ritardato il tunnel ferroviario, nel frattempo è stato realizzato il raddoppio del tunnel autostradale, cui prodest, Peccato non saperlo

    • Lei nel suo commento pone una domanda retorica e nel contempo evidenzia il vero nucleo del problema;cui prodest?

  3. Il primo cittadino dovrebbe pensare al bene del paese . Opere utili per abbellire susa incentivare il turismo con le opere stupende romaniche da far visitare . Sfruttare il ciclturismo ed il mototurismo . Essere green con piste ciclabilie colonnine per auto elettriche . No pensare al bene delle ditte appaltatrici della tav. Poi avevo 14 anni che sento che la tav è indispensabile adesso ho 40 anni ed un figlio e non è cambiato niente . Forse è la volta buona di usare le opere esistenti è mettere in sicurezza il territorio della valle di Susa . ( vedi Bussoleno , oppure Exilles le frane di un giorno di pioggia ) ormai i camion iniziano ad essere meno inquinanti con i nuovi sistemi a gas e metano . . Ci sono tanti altri lavori da fare in valle più indispensabili .

  4. “Riteniamo che la decisione dell’opera debba essere assunta dai governi nazionali e dall’Europa”.
    Firmato
    Ponzio Pilato

    P.s. per gli smemorati

    Il miglioramento, ammesso che tale sia stato, è stato lo spostamento
    da
    sinistra Dora, tunnel Musinè e collegamento alla TO-MI a Settimo Torinese con buona pace di Torino tagliata fuori
    a
    destra Dora, Stazione internazionale di Susa (si spera di imminente abbandono), tunnel Orsiera (subito abbandonato), tunnel collina morenica (di plausibile abbandono), scalo di Orbassano, passante di Corso Marche (subito abbandonato) e utilizzo del passante di Torino (quello di Porta Susa) anche per le merci (sotto la pelle di almeno trecentomila torinesi anche con le merci pericolose).

    • Per cui reitero la domanda: in cosa sarebbe migliorato il progetto? I NoTav sono stati un danno a 360 gradi. Hanno fatto ritardare i lavori e hanno causato varianti di progetto costose, inutili e peggiorative. Il progetto del 2005 era quello tecnicamente più logico. Quello odierno è una accozzaglia di modifiche per far piacere o non-dispiacere a questo o quello. Se i NoTav avessero scelto di fare cose più utili la ferrovia sarebbe già in esercizio ed oggi staremmo a parlare di sindaci scelti per le loro proposte amministrative e non per il loro schieramento Si-No-Forse-ChissenefregaTav.

      • Mi sa che “la ferrovia sarebbe già in esercizio” è veramente una fantasia da film.
        Anche perchè pare che i francesi non abbiano ancora stanziato i soldi.
        Cmq la protesta dei notav ha spinto l’europa a portare il contributo dal 40% al 50% e forse 55%.
        Ma se del tunnel solo il 25% è in italia e il 75% in francia, perchè l’italia ne paga più della francia?
        Saluti

  5. Perche’ qualcosa la Tav servira’come dice il movimento SI TAV di risposta alla mia domanda” che lavoro portera’ ?” Parlando poi dei grillini.Eh, eh, come con la stazione fatta dal centro destra nel 2007che e’ usata poco d’ estate, d’ inverno non va proprio (vedi servizio delle Iene).Poi solite frasi lei non conosce la storia perche’ Cavour…..di certonon ricordo sia scritto che Cavour piagnucolo’ per le proprie opinioni come Salvini.Altri uomini altri tempi! ALTRE conoscienze mediche poiche’ l’ amianto il sec.svorso si usava anche per le divise dei VVF.Il punto che tanto serve sta cavolo se TAV che nemmeno il movimento che la sostiene sa quale lavoro portera’! MA sa come fare a screditare i partiti politici….unico reale scopo! POVERETTI! INTANTO COMTE HA DETTO:”ho sbassano la cresta o governo tecnico” capita….hi hi!

  6. Ricapitoliamo:
    Il neo sindaco, a meno di 2 settimane dal voto, dichiara, su un canale televisivo nazionale, la piena adesione al progetto TAV.
    Da cui:
    1 candidato critico verso la/il TAV
    1 candidato favorevole al progetto TAV
    1 candidato di governo
    1 candidato riempi-pista
    5stelle non pervenuti.
    Direi che il BISCOTTO è riuscito benissimo.

  7. Forse sarebbe bene ricordare che la decisione di fare la TAV è stata presa su stime supergonfiate, oltre 20 anni fa, ( alla faccia dell’ indispensabilità e dell’urgenza dell’opera,) fatte ad arte da chi aveva interesse ad eseguire l’opera (cooperative rosse in primis). Il tempo ha dimostrato che i NO TAV avevano ragione, i flussi di merci e la saturazione della linea storica non si sono avverati, anzi si è ben lontani dalla sua saturazione. Anche adesso che è stata pubblicata l’analisi costi benefici non se ne vuole tenere conto, si dice che è di parte!!! sic!! perchè è in netta evidenza che i costi superano di molto i benefici. Se poi con una ferrovia a doppio binario, un’autostrada, due statali (parlando solo del lato confine con la valsusa) significa essere tagliati fuori dall’ europa !!. Tra l’altro molti dei problemi che sono stati evidenziati dall’analisi erano gia stati posti dai progettisti stessi e mai divulgati, se non lo stretto necessario proprio per pararsi il culo ( amianto, prosciugamento falde acquifere, uranio, noi ve l’abbiamo detto, ma se lo fate lo stesso e sorgono i problemi non incolpate noi.)
    Documentazione e dati ufficiali ve ne sono ormai in abbondanza, basta informarsi, (ricordo per chi non lo sa che tutta la documentazione NOTAV è tratta dai dati UFFICIALI rilasciati delle varie istituzioni, TELT compresa, nulla di inventato, come le stime di traffico, dei sitav e mai smentite, anzi confermate dal governo precedente che forse siamo stati un po’ ottimisti!!
    Purtroppo certa gente invece di informarsi pensa solo ad insultare chi non la pensa come loro. L’osservatorio NON è un organo democratico, non per nulla tutti i sindaci NOTAV sono stati estromessi dall’osservatorio.
    Non è neanche chiaro ai proponenti l’opera , se la linea è per le merci o per i passeggeri , cambiano a seconda delle convenienze del momento.
    Se poi qualcuno è convinto che sia indispensabile per risolvere i problemi occupazionali, sappia che le grandi opere in rapporto al capitale investito sono quelle che creano meno posti di lavoro e sopratutto a tempo determinato.
    A me personalmente vista l’età che ho, non me ne frega più di tanto,ma penso al futuro dei miei nipoti e sinceramente non vorrei essere nei loro panni.
    Vorrei ricordare che le malattie tumorali non guardano se sei notav o sitav, colpiscono e basta, io cerco di evitare nel mio piccolo, le situazioni che ne favoriscono lo sviluppo, per il resto non posso fare nulla.
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso diceva Dante nell’Inferno

  8. quindi il neosindaco non prenderà posizione anche sullo stato pietoso del cavalca ferrovia di Foresto, visto che si tratta di una strada statale gestita da ANAS?
    le sue competenze saranno limitate strettamente alle strade comunali?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.