TAV, IL SINDACO DI VENAUS SI SCUSA CON IL DIRETTORE DI VALSUSAOGGI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di AVERNINO DI CROCE (Sindaco di Venaus)

Egregio signor Direttore,

innanzitutto mi scuso, con Lei e con i Lettori, per i toni inappropriati che ho usato. Non era mia intenzione offendere, sminuire e, men che meno, diffamare la Sua persona e la Sua professionalità.

Ho scritto quel post “di getto”, a tarda sera, subito dopo aver letto il Suo articolo e prima ancora di aver preso visione del Verbale da Lei citato, che ho letto per la prima volta solo la mattina successiva (quando sono rientrato in ufficio dopo un paio di giorni di assenza per gravi motivi personali).

In effetti il Suo articolo dell’altro giorno attinge al contenuto di quel verbale, che però – essendo molto sintetico e frammentario – ha, almeno per quel che riguarda il mio intervento, un contenuto e si presta a letture ed interpretazioni non aderenti né allo spirito, né alla lettera di quanto da me dichiarato in maniera chiara e nettissima in quella riunione dei Sindaci.

Com’è intuibile, in quell’incontro il dibattito è stato ben più ampio ed articolato di quel che risulta dalla relativa verbalizzazione riassuntiva. Ciò è tanto vero che la frase, estrapolata da quel verbale e da Lei citata, lungi dall’esprimere la mia posizione rispetto alla questione TAV, era invece la risposta (anche un po’ provocatoria) del sottoscritto ad alcuni Colleghi che auspicavano una partecipazione, a titolo “individuale”, dei Comuni alla manifestazione dell’8 dicembre, sul presupposto – da me non condiviso – che la presenza a quell’evento non potesse essere “istituzionalizzata” a livello di Comunità Montana, in quanto espressione “non tanto di contrarietà all’opera, quanto al suo approccio”.

Al contrario, come Lei, al pari di tutti i miei Colleghi e dei numerosi cittadini della Valle, ben sa – la mia irriducibile convinzione NO TAV è fondata su ragioni di “sostanza” (fondati motivi tecnici, ambientali, economici, giuridici, etici, etc. …) e non certo di “metodo” e/o di “approccio”.

Se ben ricorda, già qualche mese fa avevamo avuto un confronto sul tema, quando un quotidiano cartaceo per il quale scriveva aveva dato un titolo sensazionalista (“Venaus fa marcia indietro” o qualcosa del genere) a un Suo pezzo/intervista, di ben diverso tenore, in cui Ella riportava correttamente le mie dichiarazioni e dava altrettanto correttamente atto della netta posizione NO TAV del sottoscritto.

È solo per questa ragione che quando ho letto il Suo pezzo dell’altro giorno mi sono arrabbiato e, nell’impeto del momento, mi sono lasciato andare a commenti inappropriati, di cui mi rammarico e per i quali rinnovo le mie scuse.

Sapendo che la mia posizione sulla questione TAV (notoriamente la più radicale rispetto a quella della stragrande maggioranza dei miei Colleghi sindaci) Le è ben nota, non mi capacitavo di come nel Suo pezzo avesse potuto travisarla e stravolgerla. Ho appreso solo in seguito che l’equivoco nasceva da quell’infelice verbalizzazione e non era invece imputabile a Lei.

RingraziandoLa, La saluto cordialmente.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Di tutto quello che è stato scritto riesci a fare un commento (peraltro decisamente infantile) su una foto. Complimenti, a naso sono indeciso se i tuoi studi arrivano da Oxford o dalla Bocconi !

  2. Gentile Direttore,
    La ringrazio per aver pubblicato la mia lettera di scuse, che fa chiarezza sui motivi delle mie frettolose, avventate e inappropriate accuse al direttore.
    Peraltro ho espresso le mie rimostranze in seno all’assemblea dei sindaci per le modalità con cui il più delle volte si redigono, in maniera frammentaria e inesatta, i verbali delle riunioni, generando confusione e – seppure senza volerlo – alterazione delle notizie e delle posizioni.
    Con l’augurio di un sereno Natale e buon anno nuovo, la saluto cordialmente.
    Avernino Di Croce
    Sindaco di Venaus

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.