TAV, APPALTO DA 5,3 MILIONI PER IL NUOVO “FORTINO” DELLE FORZE DELL’ORDINE A SAN DIDERO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SAN DIDERO – Telt ha pubblicato la gara d’appalto per costruire il nuovo presidio delle forze dell’ordine che dovranno sorvegliare il cantiere per il futuro autoporto di San Didero. Un “fortino” dai costi importanti, con opere dal valore totale di  5.349.000 milioni di euro. L’appalto riguarda le “attività preliminari, di protezione e di mantenimento dei cantieri di Telt e il supporto logistico alle forze dell’ordine per la realizzazione dell’autoporto di San Didero”.

Il contratto è suddiviso in tre attività: 1) la costruzione di recinzioni perimetrali con sistemi di videosorveglianza, illuminazione, antincendio e pista di sorveglianza per i lavori preparatori dell’Autoporto di San Didero. 2) Lavori vari, lavori di ingegneria civile, noleggio e lavori di manutenzione a supporto delle Forze dell’Ordine. 3) Gestione del lavoro, manutenzione di impianti e attrezzature all’interno e all’esterno del sito a sostegno delle forze dell’ordine. Le attività di cantiere coinvolgeranno i Comuni di San Didero, Bruzolo e Borgone Susa.

Gli oltre 5 milioni di euro serviranno per le attività preliminari (recinzioni, BOB, videosorveglianza, illuminazione, ecc.) di protezione e mantenimento dei cantieri Tav, nonché per il supporto logistico alle forze dell’ordine per la realizzazione dell’Autoporto di San Didero.

Prima di realizzare il nuovo autoporto a San Didero, Telt deve quindi delimitare le aree e installare gli impianti di sicurezza. A quel punto la Sitaf dovrà realizzare il nuovo autoporto.

Le attività affidate da Telt con gli oltre 5 milioni di euro consistono in:

 Progettazione costruttiva.
 As built (i disegni che descrivono l’opera come è stata effettivamente costruita).
 Bonifica dei terreni da ordigni bellici.
 Indagine Archeologica.
 Lavori di realizzazione recinzione di cantiere comprensiva di impianti perimetrali di illuminazione, videosorveglianza ed antincendio, strada di controllo.
 Lavori di posa in opera e/o ricollocazione di recinzioni e cancelli metallici di cantiere.
 Lavori di movimento terra, taglio vegetazione, opere civili come barriere, cordoli, cunette, muretti e similari, ecc. (elenco non esaustivo).
 Pulizia, sgombero neve ed attività di manutenzione delle strade di accesso ai cantieri ed al loro interno.
 Forniture e noli (es. torri-faro, motopompe, ecc., lista non esaustiva).
 Lavori vari richiesti dalle forze dell’ordine per garantire il servizio di ordine pubblico.
Assistenza alle forze dell’ordine durante le manifestazioni di oppositori dell’opera.
 Realizzazione di baraccamenti di cantiere (moduli prefabbricati, bagni chimici, ecc., lista non esaustiva).
 Monitoraggio Ambientale.
 Lavori di gestione e manutenzione di impianti ed apparecchiature di cantiere quali: impianti elettrici, illuminazione esterna e videosorveglianza.

FASE 1 – LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE 

 Bonifica di terreni da ordigni bellici mediante individuazione e rimozione eseguita per strati sia superficiali (< 100 cm) che profondi (> 100 cm).
 Garantire accesso alle imprese incaricate da TELT per indagini geognostiche o di altro tipo.
 Se richiesta da TELT Indagine Archeologica preventiva alla posa delle recinzioni di sicurezza o di qualsiasi scavo nelle aree di cantiere.
 Fornitura e posa di recinzioni con elementi prefabbricati in cemento armanto e grigliato metallico su superfici pianeggianti o sub-pianeggianti: recinzione tipo new jersey e grigliato di ferro con relativa posa di concertina/filo spinato come da Progetto Esecutivo.
 Trasporto e posa di recinzioni messe a disposizione da TELT con elementi prefabbricati in CA e grigliato metallico su superfici pianeggianti o sub-pianeggianti: recinzione tipo new jersey e grigliato di ferro con relativa posa di concertina/filo spinato come da Progetto Esecutivo.
 Fornitura e posa di recinzione metallica posata in opera su superfici inclinate o irregolari: recinzione con rete betafence e opportune strutture di fondazione, sostegno e collegamento (altezza totale 3m) con relativa posa di concertina/filo spinato.
 Fornitura e posa di cancelli metallici altezza totale 3m (carrabili e/o pedonali) eventualmente rimovibili e ricollocabili se necessario.
 Rimozione e riposizionamento di recinzioni/cancelli metallici esistenti.
 Realizzazione e/o integrazione impianti elettrici (specifiche tecniche indicative e non esaustive nel Progetto Esecutivo in allegato), completi e funzionanti in ogni loro parte e conformi alle normative in vigore, seguendo tutte le indicazioni e le prescrizioni fornite da TELT.

FASE 2 – LAVORI VARI, OPERE CIVILI E LAVORI DI MANUTENZIONE A SUPPORTO DELLE FORZE DELL’ORDINE

Nella missione 2, la ditta che vince l’appalto dovrà realizzare le seguenti lavorazioni:
 Lavori di pulizia e movimento terra all’interno delle aree di cantiere.
 Esecuzione opere civili quali ad esempio cordoli, cunette, muretti e similari, ecc. (elenco non esaustivo).
 Fornitura e/o nolo di torri faro con motogeneratori elettrici: compreso il trasporto, il carico e lo scarico sul luogo di cantiere; il nolo comprensivo di tutti gli equipaggiamenti necessari; i consumi, la manutenzione ordinaria e straordinaria, l’accensione e lo spegnimento agli orari indicati da TELT o dalla DL; l’allontanamento delle stesse a fine necessità.
 Fornitura e/o nolo di motopompe idrauliche/idrovora: compreso il trasporto, il carico e lo scarico sul luogo di cantiere; il nolo comprensivo di tutti gli equipaggiamenti necessari (100m di manichetta con attacco UNI45 E UNI70); i consumi; la manutenzione ordinaria e straordinaria; l’allontanamento delle stesse a fine necessità. Dovrà essere garantita la portata di 1m3/min.
 Pulizia e attività di manutenzione delle strade di accesso ai cantieri ed al loro interno, anche in caso di innevamento, predisponendo tutte le misure (sufficiente numero di mezzi ed operatori, turni di lavoro adeguati, disponibilità a magazzino di materiale di consumo, ecc.) necessari per evitare il blocco della viabilità e per garantire senza soluzione di continuità la transitabilità ai mezzi delle F.O.
 Messa a disposizione di personale per le esigenze delle F.O. (es. piccole manutenzioni, pulizia locali, fornitura materiale di consumo, ecc., elenco non esaustivo).
 Supporto logistico ed accompagnamento dei visitatori durante le visite di terzi ai cantieri, compresa l’informazione ai fini della sicurezza eseguita da tecnico abilitato a norma di legge
 Fornitura e posa in opera di box di cantiere uso servizi igienici sanitari.
 Fornitura e posa di bagni chimici portatili.
 Fornitura e posa di unità abitative prefabbricate monoblocco per servizi di cantiere e per le necessità delle F.O.
 Raccolta Rifiuti per F.O.

FASE 3 – GESTIONE LAVORI, MANUTENZIONE IMPIANTI ED APPARECCHIATURE INTERNE ED ESTERNE AL CANTIERE A SUPPORTO DELLE F.O. / Impianti elettrici e di illuminazione a servizio delle F.O.

 Manutenzione ordinaria /straordinaria e tutte le riparazioni, di qualsiasi genere, di tutte le componenti degli impianti elettrici e di illuminazione, comprese le apparecchiature/impianti connessi ed a servizio degli impianti stessi.
 Corretta esecuzione delle attività di manutenzione secondo quanto prescritto nel piano di manutenzione e/o nel libretto di manutenzione fornito dalle case fornitrici degli apparecchi e dei componenti degli impianti.
 Realizzazione di tutte le opere civili/impiantistiche o di altro genere che si rendessero necessarie, per qualsiasi motivo, relativamente agli impianti elettrici e di illuminazione o loro parti/componenti.
 Verifiche periodiche per garantire il mantenimento nel tempo delle caratteristiche di sicurezza, affidabilità e funzionalità degli impianti elettrici e di illuminazione,.
 Interventi di riparazione in caso di guasto entro le 24 ore successive alla segnalazione, in qualsiasi giorno, feriale o festivo per garantire il servizio di ordine pubblico. Le riparazioni nel periodo di garanzia non saranno remunerate (ad esclusione di quelle legate ad atti vandalici documentati da denucia dell’Aggiudicatario presso le F.O.).

I lavori per il nuovo autoporto di San Didero

La realizzazione delle opere della nuova linea Torino-Lione, ed in particolare della Stazione Internazionale di Susa, del sottopasso della A32 e dell’Area Tecnica e di Sicurezza di Susa interferiranno con l’autostrada, con l’autoporto di Susa ed i relativi svincoli, che dovranno quindi essere modificati o “rilocalizzati”.

“La soluzione (…) prevede la realizzazione dell’Autoporto in Comune San Didero” scrive Telt “l’area individuata si sviluppa per una superficie complessiva di 68.000 mq a cavallo dei Comuni di San Didero, Bruzolo e parzialmente Borgone. Entro tale ambito trova sistemazione l’autoporto che comprende un’area destinata a Truck Station, un parcheggio per i mezzi pesanti, un’area di servizio ed un nuovo posto di controllo centralizzato (PCC). È evidente che la realizzazione di queste nuove opere è propedeutica alla dismissione delle medesime attività presenti oggigiorno nella Piana di Susa e che sono interferenti con il nuovo tracciato della linea ferroviaria Torino-Lione di competenza LTF”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

38 COMMENTI

  1. Fassisti! Nassisti! Quanti soldi sprecati! Pensate a restituire i 49 milioni della Lega! Resistenza ora e sempre!

  2. Tra 3,2,1… Costituzione del Comitato NO FORTINO!Collezionali tutti ed avrai in omaggio il pratico raccoglitore per la tua raccolta di Comitati NO TUTTO.

    • Rinuncia ai diritti che hai perche’ sono stati i NO TUTTO della storia a darteli.Loro sinsono sacrificati per il futuro , e parte di quel futuro non merita niente.

    • Dai sul serio, non me l’ ha mai dato nessuno…ora vedo che e’ per il comitato del fortino, credevo fosse per i no sparo cavolate come voi! Mi e’ andata male! Scherzo! Non ho risposto a caso …semplicemente anche i diritti che tutti abbiamo sono arrivati in seguito a manifestazioni più o meno pacifiche…non sono favorevole alla Tav e al contrario dei NO TAV io non avrei nemmeno proposto l’ opera da fare in un’ altra valle. Non capisco l’ utilità dell’ Alta Velocita’ in questa valle e quindi non credo bisogna sprecarci dei soldi . Non entro in merito all’ amianto perche’ la questione e’ diversa e complessa.

  3. La tela di Penelope.
    Disfare quel che si era appena fatto (autoporto di Susa) per rifare quello che si è appena disfatto, e cosi di giorno in giorno, di anno in anno, di decennio in decennio.
    Virtuoso stratagemma per non convolare a nozze indesiderate in attesa del ritorno di Ulisse.
    Vergognoso stratagemma per dilapidare risorse pubbliche con profitti enormi per pochi privilegiati.
    Qual’è il nesso?
    Che nel frattempo oggi come allora in questa storia infinita i proci gozzovigliano.
    Che nessun procio ebbe mai in sposa Penelope.
    Che il ritorno di Ulisse rimise a posto le cose e che anche Telt avrà il suo Ulisse.

    • Per fare dei parallelismi tra Ulisse,personaggio straordinario ed affascinante nonché estremamente moderno a causa della sua ansia di conoscere,con i no tav e le loro coorti di sciagurati dei centri asociali ci vuole una bella fantasia.Complimenti,anche questa volta non si è smentito.Intanto quoto al 100% il commento di Laura che ha espresso un concetto giustissimo.

      • Si si allora ripeto i diritti li avete grazie ai NO TUTTO DI ALLORA.ABBIATE la dignita’ di rinunciare a quei diritti e abbiate rispetto di chi e’ morto che vi ha fatto avere nel tempo cio’ che non meritate!

  4. Io penso che 5.349.000 di euro sono già molti, ma come scritto all’inizio dell’articolo ” … con opere dal valore totale di 5.349.000 MILIONI di euro … ” sarebbero una pazzia.

    • Si potrebbe fare anche in Valle un bel drive in covid come a Roma…invece di andare al McDrive a farsi un buon hamburger cone le persone normali, gli amanti del virus locali potrebbero togliersi lo sfizio del tampone…

    • E ti pareva che la nostra signora del vairus non tirava fuori il suo argomento preferito… Probabilmente è una reazione al fatto che da piccola non le hanno regalato la scatola del Piccolo Virologo.

  5. Ciao Merovingio, focalizza l’attenzione sui proci, non su Ulisse.
    Modernità e ansia (chissà perché ansia? La conoscenza è forse fonte di nevrosi?) di conoscere che c’azzeccano (per citare il verbo più celebre dell’eclissato Antonio Di Pietro)? con lo sperpero per un contenitore (recinzione fortificata) di non sa bene quale, e quanto costoso, contenuto?

  6. Fassisti! Rassisti! Nassisti! Negassionisti! Laura, Il Merovingio, Uomo Libero, BOH, juliowa, VERITAS e tutte le altre carogne fassiste! Siete avvisati! Le nostre bombe e
    i nostri bastoni vi insegneranno a rispettare la libertà di manifestazione e pensiero! I nostri passamontagna vi insegneranno che chi ha il coraggio di urlare le proprie idee, non nasconde mai il suo volto! Siete dei miserabili fassisti!

  7. La ricerca della conoscenza ed il miglioramento delle proprie condizioni è propria dell’uomo in quanto tale ed è questo impulso che ha forgiato la civiltà occidentale di cui nel bene e nel male siamo figli.Se poi c’è qualcuno che propugna la cosiddetta “decrescita felice” sono affari loro,se la facciano a casa propria,io sono per una crescita consapevole,non certo per il ritorno dei carretti a cavallo che ricordo ancora esserci durante la mia gioventù… E parlando di recinzioni solo in Val di Susa è necessario blindare militarmente un cantiere di ingegneria civile per proteggerlo da pochi neo luddisti.Basterebbe toccare nel portafoglio e applicando la legge in maniera pesante chi provoca danni pensando di passarla liscia…

    • Vero , ma come vede Merovingio in Italia i più bravi a provocare danni non sono certo tra i No Tutto! C’ e’ un 45 giri di Pierino che ricordo bene mi faceva ridere tantissimo…il maestro chiese: ‘chi sa qual’ e’ la rovina d’ Italia ‘e Pierino alzo la mano insistentemente e il maesto disse’si Pierino’ ….e Lui rispose’ e’ Roma , sior maestro’ Il maestro allora disse ‘ vediamo chi sa chi e’ la rovina di Roma’ e Pierino’ lo so io , lo so io siolr lmaestro’ .Il maestro ‘ va bene Pierino rispondi tu.Pierino’ la rovina di Roma e’, la rovina di Roma e” e il maestro ‘ siii’ e Pierino’ la rovina di Roma e’ Montecitorio’. Vede Merovingio lo sapeva pure Pierino !!!!:):):)

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.