TAV IN VALSUSA, CAFFÈ OFFERTI ALLE FORZE DELL’ORDINE IMPEGNATE AL CANTIERE DELL’AUTOPORTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Alcuni degli scontrini dei caffè offerti alle forze dell’ordine (foto dalla pagina Facebook del Siulp)

BRUZOLO / SAN DIDERO – Continuano le iniziative di “solidarietà”, da parte di alcuni valsusini, nei confronti delle forze dell’ordine impegnate al nuovo cantiere dell’autoporto San Didero-Bruzolo.

Il sindacato dei poliziotti Siulp ha pubblicato questa mattina su Facebook la foto di alcuni degli scontrini dei caffè offerti alle forze dell’ordine: “Continuano le dimostrazioni di sostegno da parte degli abitanti della Val Susa nei confronti delle forze dell’ordine impiegate a difendere la legalità a San Didero” scrive il sindaco sui social.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

29 COMMENTI

      • Ma per favore!!! Sei chiuso in casa da un anno ed ancora li sostieni… se avessero investito quei soldi nella sanità saremmo già usciti da questa situazione. Invece per colpa di gente come te non ne usciremo mai!

      • Napalm ci vuole poco a capire che sei un ps o un cc…. O comunque un loro parente o amico…. In ogni caso un bello zerbino….

    • La Valsusa non è immune da amanti o parenti di ps e cc….. O aspiranti tifosi…. Di solito non autoctoni….. Venuti qui solo per soldi e business.

  1. Dobbiamo crederci ? il locale si trova sulla SS 25 nel tratto chiuso al traffico, su entrambe le direzioni, dai posti di blocco……i l’area è militarizzata, nessuno può passare, per andare verso Torino si è costretti a percorrere la strada secondaria tra Bruzolo e San Didero……stesso problema per chi va verso Susa……
    quanto allo scortese merovingio che dal teppista ai notav: evidentemente si identifica con la corrente dei “maggiordomi di palazzo” …..che portarono poi alla sconfitta dei Merovingi a favore dei Carolingi

    • Lei come definirebbe questa gente?Li chiamo teppisti,ma il termine giusto è delinquenti.Naturalmente poi basta non pensarla come voi Elevati per diventare maggiordomo di palazzo,fassista,nassista e rassista.Farmi insultare da uno come Lei lo considero quasi un onore!Per finire ,caro il mio difensore delle cause perse,io sono Il Merovingio,non un merovingio qualsiasi.

    • Bravo Gio’ concordo anch’ io.Comunque per questo caso del Tav e per casi simili , se lo Stato usa la forza e’ per dimostrare che e’ debole.Chi e’ forte usa il dialogo, le mani addosso ( armi ecc) le usano solo i deboli!

    • Pensi che solo i NoTav siano liberi di fare il cazzo che vogliono avanti e indietro per la valle e di regione in regione? Cala di quattro tacche la tua convinzione che tutta la valle sia NoTav, perché alla stragrande maggioranza dei valsusini frega cazzi del Tav e dei NoTav, e dei secondi ne hanno le palle piene più del primo.

  2. Sono Valsusino e sono uno dei donatori. Mi viene la rabbia quando si dice che la “valle” é contraria. Questa “Valle” che viene rappresentata da alcuni soggetti ma anche da amici e familiari rappresenta meno del 20% mi sono rotto un po’. Ma esse pro qui vuol dire mettersi a rischio e vedersi le gomme squarciate o minacce di vario titolo a moglie e figli… meglio star zitti. Alla fine i notav sono la mafia della Valsusa ed é solo una guerra che di ambiente a poco…

  3. Questo dimostra che la maggior parte dei Valsusini (basta chiedere un po’ in giro) e’ ultra stufa dei NO TAV e dei loro disordini continui (oltre a costare alla collettivita’ un sacco di soldi)
    La statale e’ regolarmente aperta e il bar raggiungibile da chiunque. Anche io faro’ una donazione a brevissimo.
    SOLIDARIETA’ A TUTTE LE FDO.

  4. Ma non serve l’ autoporto se fanno la Tav perche’ non ci sono più camion in circolazione che inquinano, allora perche’ la fate?

  5. quindi i 15 sindaci che sabato erano a san didero con fascia a dire no tav eletti con programmi no tav non esistono giusto? è un allucinazione dei no tav, perchè la valle è si tav ed elegge sindaci no tav…
    quanto al bar che offre caffè chiedere alle varie lavoranti che sono passate da li come sono state trattate e vi farete anche un idea del titolare…
    poi ognuno è libero di pensare che 7000 metri quadri di asfalto siano più belli che un bosco e un prato verdi – che è più utile un treno veloce che un ospedale – che è più importante un tunnel che una scuola decente….

    • I 15 sindaci valgono per 15. I programmi “NoTav” non esistono. Nei piccoli comuni si votano le persone, non programmi NoTav o ideologie astratte. Se stiamo a guardare i programmi, nelle sedi di cantiere i sindaci “NoTav” recentemente hanno straperso, così come in tutta la valle sono straminoranza tutti i partiti dichiaratamente NoTav. Quindi se vuoi fare il giochino della rappresentanza per dimostrare che la valle è contraria, come se la valle fosse un unico corpo e un’unica testa, caschi molto male.

  6. Napalm vfc! Fattelo tu il cristere c.ione, ma invece del B. d. C. usa la tua bocca che e’ lo stesso.
    Perche’ per te’ e’ normale offrire un caffe’ ad un dipendente dello stato pagato anche per menare.

  7. La cosa scandalosa e non più tollerabile in una democrazia è che una sparuta minoranza di delinquenti cerchi caparbiamente di imporre con la violenza la propria volontà sulla maggioranza di italiani che la pensano diversamente!
    Dopo essere stati tollerati per più di vent’anni, è ora che il movimento NoTav venga messo DEFINITIVAMENTE in condizione di non nuocere, colpendone innanzitutto i capi e gli ispiratori. Questo perchè se fino ad ora si sono “limitati” (si fa per dire) al sabotaggio dei cantieri ed al blocco del traffico, a ferrovia funzionante cosa si inventeranno? Cominceranno a divellere i binari per far deragliare i treni? Oppure metteranno bombe nelle stazioni?
    Mi sembra giunto il momento di dire BASTA a questa vergogna che ci rende ancora una volta ridicoli agli occhi del mondo!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.