TAV, TELT CONSEGNA AI GOVERNI LA CERTIFICAZIONE DEI COSTI DELL’OPERA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 


RICEVIAMO DA TELT

E’ stata consegnata ai Governi di Italia e Francia, tramite la Commissione Intergovernativa (CIG) per la Torino-Lione, la certificazione dei costi redatta dal raggruppamento Groupement Tractebel Engineering SA / TUC Rail. Lo hanno comunicato oggi all’Expo di Milano il presidente, Hubert Du Mesnil, e il direttore generale, Mario Virano, di TELT Tunnel Euralpin Lyon Turin, promotore pubblico responsabile della realizzazione e della gestione della Sezione Transfrontaliera della nuova linea ferroviaria. 

L’annuncio è stato dato nel corso dell’incontro “Preparare gli scambi economici di domani” organizzato, nel Padiglione Francia, dalle regioni Rhône-Alpes e Piemonte, che ha visto la partecipazione di oltre 100 ospiti del mondo economico e produttivo.

I contenuti della certificazione dei costi saranno comunicati dai due Governi, è stato anticipato che la certificazione conferma il buon lavoro svolto dal promotore, i prezzi sono in linea con le buone pratiche internazionali. Nel corso dell’evento è stato fatto il punto sull’avanzamento dei lavori e ricordato che la Torino – Lione è il principale anello mancante nel corridoio che collega l’Europa sud-occidentale con i Paesi dell’Europa centrale e orientale. Secondo lo studio commissionato dall’Ue a Pricewaterhousecoopers le regioni lungo il corridoio mediterraneo rappresentano una rilevante area socio-economica: con il 18% della popolazione dell’UE, generano circa il 17% del PIL.

La conferenza ha permesso di illustrare il significativo impatto economico previsto grazie alla nuova infrastruttura, progettata per il trasporto merci e passeggeri, che interesserà più di 250 milioni di persone e collegherà le grandi aree economiche europee. 

 Nonostante la crisi, il valore delle esportazioni e delle importazioni tra l’Italia ed i paesi principalmente coinvolti dall’opera (Francia, Penisola Iberica, Gran Bretagna) è stato nel 2014 di 132 miliardi di euro. Gli scambi commerciali tra Francia e Italia hanno un valore di circa 70-80 miliardi di euro.

La presenza di grandi infrastrutture di trasporto moderne favorisce lo sviluppo di grandi regioni economiche. Rhône-Alpes è la prima regione manifatturiera della Francia e insieme al sistema Piemonte-Lombardia e Catalogna costituisce l’insieme di 3 delle 4 aree produttive fondamentali dell’Europa, oltre alla Baden-Württemberg. Il traffico merci tra Francia e Italia è oggi ancora troppo sbilanciato a favore della gomma, la rotaia attira solo il 9% del totale, rispetto al 29% dell’asse tedesco e il 64% degli svizzeri (dati 2014). Da qui l’urgenza di realizzare il nuovo collegamento che, come avviene in Svizzera, permetterà di trasferire circa 1 milione di camion dalla strada alla ferrovia ed ottimizzare i flussi commerciali.

Infine, il coordinatore europeo per il Corridoio Mediterraneo, Laurens Brinkhorst, ha ricordato la disponibilità dell’UE a finanziare al 40% la Torino-Lione, fondamentale per la realizzazione della rete europea Ten-T. La decisione dell’UE, nell’ambito del programma pluriennale 2014-2020, per i progetti prioritari, di cui fa parte la Torino-Lione, sarà annunciata questa estate.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.