TORNA “EXILLESCITTÀ”, LA GRANDE RIEVOCAZIONE STORICA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


Riceviamo dal COMITATOEXILLESCITTÀ
EXILLES – Il prossimo 17 settembre, atmosfere, costumi e ambientazioni a cavallo tra Ottocento e Novecento animeranno le vie di Exilles, che in occasione di ExillesCittà 2017 sarà teatro di un vero e proprio viaggio nel tempo. La manifestazione, riconosciuta tra le rievocazioni storiche della Regione Piemonte, racconta il momento in cui Exilles, che negli ultimi anni del XIX secolo era il borgo più popolato dell’Alta Valle di Susa, venne elevato al rango di “Città” grazie al Regio Decreto di Umberto I. Tra i pettegolezzi delle lavandaie, l’eleganza del Circolo Ufficiali e il rigore del Dottor Molteni, da più di 10 anni ExillesCittà è una giornata di storie e di racconti, in cui il visitatore viene trasportato in atmosfere antiche e suggestive.
Quest’anno, per la XII edizione, si riparte con tantissime novità e curiosità. Saranno infatti
tre i nuovi temi della giornata: primo fra tutti quello della Grande Guerra, di cui quest’anno
ricorre il centenario e che ha segnato la fine della “Belle Epoque”, ma anche il Commercio,
da sempre una delle anime più vive del paese grazie alla costante presenza dei Militari
all’interno del Forte, e infine le storie dei Migranti, che nel corso degli anni hanno transitato, sono partiti oppure arrivati sulle montagne della Valsusa.
I festeggiamenti prenderanno il via sabato sera, quando nel cuore del borgo antico, presso
Piazza Vittorio Emanuele II, la Big Band Agamus si esibirà con suggestive e travolgenti
musiche swing.
La domenica, il borgo si aprirà ai turisti raccontando grandi e piccoli episodi di festa e di
lavoro. La giornata avrà inizio alle ore 9:45 con la Sfilata accompagnata dalla Società Filarmonica di Bruzolo e proseguirà con l’investitura del sindaco d’epoca, la Messa Grande e la lettura del Regio Decreto. In seguito, tutto il pubblico sarà invitato all’aperitivo con vino
d’onore e si darà così il via ai festeggiamenti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.