TRAGEDIA A GIAVENO: SCHIANTO TRA AUTO, MUORE UNA DONNA E 3 RAGAZZI FERITI / FOTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  
di LUCA CALCAGNO

GIAVENO – Gravissimo incidente mortale in via Selvaggio questa sera, attorno alle 20:15. All’incrocio con via Cardinal Bovero una BMW serie 1, con a bordo 4 ragazzi e 1 ragazza, ha perso il controllo: saliva verso Coazze, è finita prima contro una Fiat Panda parcheggiata a bordo strada, poi si è schiantata violentemente contro una Fiat 600, di colore blu scuro, guidata da una donna di 59 anni di Torino, che stava andando a Giaveno. Il guidatore della Bmw era ubriaco e ha 25 anni. 

  

La signora è morta sul colpo, a causa dell’impatto violentissimo, mentre tre dei cinque ragazzi in auto sono rimasti feriti, portati agli ospedali di Rivoli e Orbassano. Illeso il guidatore è quello al fianco. Sul posto vigili del fuoco, 118 e carabinieri.

   
   

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

12 COMMENTI

  1. Uno così altro che portarlo in ospedale darlo in mezzo alla gente e poi mandarlo all’ospedale con le gambe rotte senza che nessuno può aiutarlo tanto una vita la spezzata la corpa è del governo questo elemento la patente non dovrebbero più dargliela ma queste sono le leggi italiane perché vedrete che tra un po’ gliela daranno e vedrete che prima o poi succederà dinuovo delinguente

  2. perché non cominciamo a dire nome e cognome dell’assassino (perché di omicidio premeditato si tratta),della povera signora manca solo il codice fiscale,l’assassino mantiene l’anonimato,ma PERCHE’?,questa è una pista,al mattino le corse,alpomeriggio anche e la sera continuano,invece di tante cose discutibili fatte a Giaveno sarebbe tanto difficile mettere qualche autovelox,parlo perché mia nonna ha perso la vita su questa strada. Naturalmente controlli non fateli,tanto anche se la gente muore non è Importante. Il delinquente in questione non farà neanche un giorno di cella,ma la signora e la sua familia sicuramente non festeggeranno il Natale.

  3. Io credo che sicuramente il ragazzo verrà denunicato e incolpato per omicidio stradale.. Di cosa state parlando? E’ OVVIOP CHE SARA’ ACCUSATO: Volete sostituirvi alla polizia? Ci sono altri feriti anche (di cui uno è un mio amico). Non parlate per luoghi comuni perfavor.

    • Ogni tanto la gente farebbe meglio a stare zitta, ma vivi in italia o cosa? intanto il tuo amico si trovava in quella macchina di delinquenti

    • appunto fate parlare e agiri chi la competenza di poterlo fare! appunto feriti o no ma sono tutti a casa mia suocera? dov è? di certo non e casa con noi ma per colpa di gente di m….. non ce piu quindi almeno portate rispetto a chi a perso un caro senza ribadire chi e a casa o no!

  4. Qui non si parla per luoghi comuni, questa persona ha già provocato un incidente anni fa in Via Coazze uccidendo il maestro Ferruccio…..perchè aveva ancora la patente ??

  5. E comunque l’ho visto questa mattina (1/12/2015), bello come il sole girare per Giaveno come se nulla fosse successo, io avrei la coscienza a pezzi, ma il mondo è bello perchè è vario, chissà cosa ne pensano i famigliari di quella povera donna….comunque attenti per strada, chissà chi sarà il prossimo….

  6. Non so ancora chi leggerà di questa folle tragedia, ma devo spezzare una lancia a favore delle persone che erano in macchina con il delinquente, so da fonti sicure che imploravano che rallentasse e lui, pieno di alcool e sicuramente anche d’altro, accelerava sempre di più, il finale lo conosciamo tutti….non credendo in una giustizia divina, spero almeno che il fato riservi a lui la legge del contrappasso.

  7. Caro Marco, penso che la legge del contrappasso debba essere aiutata.
    Bisogna ISOLARE socialmente l’omicida in questione, e quindi chi è amico di questo bastardo faccia del bene alla società e lo lasci vivere per i fatti suoi, senza aiutarlo o consolarlo.
    Poi magari, una volta che lo si trova da solo, fargli provare la stessa sorte che è tocca alla donna. Alle volte la giustizia divina deve essere “agevolata”.

  8. Mauro hai ragione, ma come puoi isolare un assassino che dopo aver ucciso una prima volta è libero di rifarlo una seconda ? Sai quanta gente c’è come lui che addirittura lo giustifica ? Dovrebbe essere lo stato a isolarlo tra quattro mura, il vero assassino è il legislatore che non fa nulla per impedire altri massacri e i suoi genitori che distrutta un’auto gliene comprano un’altra…….. tra quanto gli ridaranno la patente ?

  9. Purtroppo sono qui a vedere l articolo,le foto,i vostri commenti….dopo esattamente due anni ho avuto il coraggio di vedere cosa è successo a mia madre quella maledettissima sera….fino adesso mi sono rifiutata di conoscere i vostri insulti e commenti verso quella schifosi persona ….si chiama Mirko Dolce….ed è un essere a mio parere spregevole…..mi ha tolto la persona che più amavo nella mia vita….ha tolto ai miei figli la possibilità di avere al loro fianco la loro nonna tanto amata che ancora oggi mi chiedono quando tornerà…..ha tolto dai nostri visi la felicità…il sorriso…la gioia di essere a casa in famiglia….io nn dimenticherò mai cosa ha fatto a noi e soprattutto a mia madre ma so solamente che con la giustizia non ha pagato abbastanza anzi niente….ma spero che patirà nella sua vita ….pagherà il nostro dolore in diverso modo ma accadrà….xchè ne era consapevole di essere ubriaco e drogato quella sera…la mattina successiva era a far colazione al bar….io sono una mamma e dico che ad avere un figlio del genere mi vergognerei….ovviamente non lo fanno xchè crescono i loro simili….che avendo le possibilità economiche mettono sotto al culto i macchinoni ai figli….e suggeriscono di andare ad ammazzare in giro gli innocenti che si fanno il culo dalla mattina alla sera…..come mia madre….dico solamente VERGOGNATEVI….non avreste diritto di accesso nemmeno nella più schifosa fogna ……maledetti

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.