TRAGEDIA DELL’A32: IL MINISTERO APRE UN TAVOLO SULLA SICUREZZA DELL’AUTOSTRADA TORINO-BARDONECCHIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DI SILVIA FREGOLENT (Deputata di Italia Viva)

ROMA / SUSA – “ll Ministero dei Trasporti e della Mobilità sostenibile ha annunciato che avvierà uno specifico tavolo di confronto istituzionale per promuovere la sicurezza sull’Autostrada A32”: è quanto dichiara Silvia Fregolent, deputata di Italia Viva, in merito alla risposta avvenuta oggi, mercoledì 17 marzo a Montecitorio, alla sua interrogazione sul tragico maxitamponamento dello scorso 14 febbraio nel tratto tra Torino e Bardonecchia.

“Il tavolo, che vedrà la presenza degli enti locali interessati e delle associazioni degli automobilisti, avrà il compito di verificare la possibilità di implementare e sviluppare ulteriormente i protocolli operativi per assicurare la salvaguardia degli utenti. Sarà inoltre necessario che questo organismo verifichi anche con attenzione che Sitaf garantisca tempestivamente gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulla infrastruttura in concessione” conclude Silvia Fregolent.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Ma che bella idea!
    Sitaf è uno società, ora a maggioranza privata, che svolge un’attività imprenditoriale con i suoi ritorni economici e le sue responsabilità, tra le quale sicuramente sono compresi piani di manutenzione.
    Che il Ministero dei trasporti eccetera eccetera (nome che mi rifiuto di riportare per intero per il suo intenso sapore di presa per i fondelli) per dare seguito ad un’iniziativa parlamentare si dichiari pronto ad attivare un “tavolo istituzionale” per controllare/costringere/verificare che un’impresa svolga correttamente il proprio lavoro di ordinaria routine è perlomeno surreale.
    Resto in attesa che altri parlamentari di Italia Viva imitino la loro collega con altri settori imprenditoriali altrettanto bisognosi di essere vigilati da “tavoli istituzionali”.
    Proporrei qualche esempio di controlli con medesima credibilità:

    L’effettiva temperatura dell’acqua negli autolavaggi a gettone
    La qualità della mozzarella utilizzata dai pizzaioli
    La quantità di coca quotidiana che sono costretti ad assumere i fattorini di Amazon
    L’effettiva quantità di solfiti messa nei vini più pregiati
    La quantità di antibiotici presente nelle fettine di pollo precotte e preimpanate del supermercato
    La qualità dell’olio da frittura e rifrittura utilizzato nei ristoranti
    I costi inverosimili, spesso dissimulati, applicati dalla banche sui conti correnti
    I tassi di interesse effettivi applicati sul credito al consumo
    La presenza o meno di coloranti e collanti tossici nei pupazzi di peluche.

    Per quanto riguarda l’incidente mi sarei accontentato di una seria inchiesta su quanto accaduto come minima forma di rispetto per le vittime ed i loro famigliari.

  2. a quando un tavolo sulla sicurezza delle strade comunali, provinciali, regionali?
    quando un tavolo sulle agenzie di lavoro interinali? ( ops forse quà il deputato non vuole parlare…)

  3. L’unico tavolo di confronto sulla sicurezza dell’autofreius è la SCRIVANIA CON QUALCHE MAGISTRATO CHE INDAGHI SULLE INADEMPIENZE, qualche approfondimento da parte della magistratura non sarebbe male

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.