TRAGEDIA IN VALSUSA, INCIDENTE SULLA STATALE: 2 MORTI DI 19 ANNI E 51 ANNI, GRAVE UNA RAGAZZA DI 20 ANNI

Lo schianto stanotte a Bruzolo. Le vittime vivevano a Chianocco e Trana.

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Loris Infante (19 anni) e Vincenzo Pomarico (51 anni)

BRUZOLO – Tragedia in Valsusa nella notte di Pasqua. Intorno alle 2 di stanotte, due persone sono morte a seguito di un grave incidente frontale sulla strada statale 25 del Moncenisio, al km 41,4 all’altezza di Bruzolo. Le due vittime sono Loris Infante, 19 anni di Chianocco, e Vincenzo Pomarico, 51 anni di Trana. Il giovane Loris Infante era alla guida di una Fiat Punto nera. A bordo con lui c’era la ragazza (E. D.) di 20 anni residente a San Didero, gravemente ferita a seguito dello schianto, e ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Rivoli. L’altra vittima, Vincenzo Pomarico, guidava invece una Alfa Romeo Giulietta di colore bianco. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 e i carabinieri della Compagnia di Susa, ma non c’è stato nulla da fare. Secondo le prime informazioni, l’incidente mortale sarebbe stato causato da un sorpasso azzardato. Le salme delle due vittime sono state trasportate all’obitorio di Susa.
La tragedia nella notte di Pasqua, con l’incidente stradale avvenuto intorno alle 2 lungo la statale 25 del Moncenisio a Bruzolo, scuote due comunità, quelle di Chianocco e di Trana. Le vittime sono due: il giovanissimo Loris Infante, 19 anni, e Vincenzo Pomarico, 51 anni di Trana, che lavorava nel settore farmaceutico.
Loris Infante era molto conosciuto in Valsusa. Guidava la Fiat Grande Punto nera, con a bordo la ragazza E. D., 20 anni di San Didero.
Vincenzo Pomarico guidava invece una Alfa Romeo Giulietta bianca ed era da solo in auto. Lo schianto è stato frontale e violentissimo: Infante e Pomarico sono morti sul colpo. Vincenzo Pomarico era nato nell’agosto 1971 e viveva a Trana.
Loris Infante avrebbe compiuto 20 anni tra 3 mesi, il 7 luglio. Viveva in frazione Grangia a Chianocco. Aveva studiato all’Ipsia ed era un grande appassionato di motori e di meccanica. Proprio poco tempo fa aveva postato su Instagram una foto dedicata alla sua Grande Punto nera, l’altra sua grande passione erano le moto enduro. Loris Infante era un grande amico di Samuele Naitza, un altro giovane della Valsusa scomparso tragicamente circa un anno fa per un incidente in moto, nel giugno 2021, nel canale tra Susa e Bussoleno. Nel giorno dell’incidente, Loris aveva dedicato a Samuele queste toccanti parole: “Ancora non voglio credere a tutto questo, a quella chiamata a quegli attimi, non ho parole. Spero solo di vederti il prima possibile, magari mentre stai insegnando a modificare la moto a qualcuno lassù. Ti porterò per sempre con me, ti voglio bene”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. brutta cosa, essre prudenti e non azzardare, che poi non si torna indietro. la vita conta più di un sorpasso. condoglianze alle famiglie.

  2. Un sorpasso azzardato, un colpo di sonno, una distrazione sono solo alcune cause di tragedie. Poveri ragazzi e povere famiglie tutta la mia solidarietà.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.