TRICHINELLOSI IN VALSUSA, IL COMUNICATO DEL COMPRENSORIO ALPINO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di MARCO CENNI (Presidente del CATO2 e CATO3, Comitato di gestione dei Comprensori Alpini TO2 e TO3)

In merito ai recenti casi di trichinellosi umana riscontrati presso l’ospedale di Susa ed ufficializzati il 3 gennaio scorso dalla competente Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo, il Presidente del Comitato di gestione, costituito da rappresentanti degli agricoltori, degli enti locali, dei cacciatori e delle associazioni ambientaliste, precisa quanto segue:

  • Tutti i campioni di diaframma di cinghiale conferiti ai centri di controllo del CATO2 e del CATO3 da parte dei cacciatori, come previsto dalle disposizioni per la caccia al cinghiale vigenti nella stagione 2019-2020, sono stati consegnati agli incaricati dell’Asl che successivamente li ha fatti pervenire all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Val d’Aosta dove sono stati analizzati nell’ambito della convenzione all’uopo stipulata fin dall’anno 2013 tra la Regione Piemonte e l’istituto stesso a favore degli Ambiti Territoriali di Caccia e dei Comprensori Alpini.
  • Il monitoraggio della Trichinella sui cinghiali cacciati, previsto come obbligo in tutto il territorio regionale da una Delibera della Giunta del Piemonte del 2011, è stato quindi realizzato con la collaborazione dei due Comprensori della Val Susa in tutte le ultime sette stagioni venatorie inviando i campioni da analizzare all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Val d’Aosta il quale aveva rilevato un caso di positività soltanto nel 2017.
  • Per il 2019 l’Asl ha comunicato per le vie brevi che gli esami effettuati sui diaframmi dei cinghiali consegnati non hanno evidenziato casi positivi di Trichinella.
  • Gli organi competenti stanno svolgendo le opportune indagini al fine di verificare la causa della grave problematica riscontrata in Val Susa, pertanto non è possibile divulgare ulteriori presunte notizie sulla vicenda, né formulare alcuna ipotesi sul reale andamento dei fatti.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Per fare un rapido riassunto: o i veterinari hanno fatto male le analisi oppure (e molto probabilmente è così) gli animali infetti sono frutto di bracconaggio.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.