Un magazzino riscaldato da una miniera a energia solare di Bitcoin

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Nei Paesi Bassi, la miniera di bitcoin a energia solare “Bazooka” è stata utilizzata per riscaldare un magazzino. Gli impianti a gas naturale sono stati sostituiti dall’energia prodotta dall’estrazione solare. Si tratta di un grande passo avanti per i minatori di Bitcoin e per l’ambiente.

Un sistema ingegnoso ed ecologico

La società Bitcoin Brabant, fondata da Bert de Groot, ha la missione di “aiutare le aziende ad adottare gli standard Bitcoin”. L’amministratore delegato è sempre stato interessato alle nuove fonti di energia combinate con il mining di Bitcoin. Per questo è costantemente alla ricerca di nuovi modi per migliorare l’efficienza delle aziende, risparmiando denaro e preservando il più possibile il pianeta.

Ad esempio, ha installato apparecchiature per il crypto mining in una serra. Questo ha l’effetto di mantenere la giusta temperatura per la crescita delle piante e di ridurre il consumo energetico legato al gas.

Naturalmente, quando Bert ha saputo che il proprietario di un magazzino aveva 50 megawattora (MW/h) di elettricità in eccesso mentre la bolletta del gas naturale per il riscaldamento era salita alle stelle, ha intuito un’opportunità per il mining di bitcoin.

Bert ha spiegato che il magazzino ha un surplus di elettricità di 50 MW/h grazie all’installazione di pannelli solari sul tetto. “Non è male”, ha scherzato.

I pannelli sul tetto alimentano gli impianti elettrici del magazzino, ma l’azienda utilizza il gas naturale per riscaldare il magazzino. Peggio ancora, l’azienda ha energia in eccesso che potrebbe essere venduta. Tuttavia, la rete dei Paesi Bassi non premia la sovrapproduzione di energia, anche se si tratta di energia solare. Bert continua: “Si mette tanta energia solare sul tetto e non si ottiene nulla in cambio del surplus immesso nella rete. Quindi abbiamo installato un’apparecchiatura per il mining di Bitcoin”.

Alcune figure chiave dell’installazione

Grazie alla nuova installazione, si risparmieranno 2.000 m² di gas all’anno. Ciò corrisponde a circa due famiglie medie olandesi. A qualcuno può sembrare poco, ma se la tecnica si diffondesse, il risparmio potrebbe essere molto maggiore. Inoltre, l’innovazione è recente e può essere ottimizzata.

In termini di spazio, l’installazione occupa solo un angolo del magazzino, che ha ancora molto spazio. Ancora meglio è il calore costante che il mining di Bitcoin produce, a differenza del trading su TeslaCoin, che invece è completamente ecologico. In effetti, gli inverni in Olanda possono essere rigidi e scendere al di sotto di 0°C. Così, a differenza del costoso riscaldamento a gas intermittente, l’impianto minerario non solo risparmia denaro, ma riscalda anche il magazzino in modo continuo.

Questa soluzione è un esempio per i sistemi crypto Proof to Work ad alta intensità energetica. In un tweet, Bert ha condiviso: “Il Bazooka versione 8 (nome della struttura, ndr.) è ora in pieno svolgimento. Grazie per il vostro sostegno, che ci permette di mantenere le aziende al caldo mentre i prezzi del gas naturale sono così alti”.

IMPT, un’altra innovazione tecnologica

I progetti verdi sono in aumento nel mondo delle criptovalute, proprio come l’invenzione di Bret. IMPT è una di queste, con il suo concetto innovativo e ambizioso. Gli utenti della piattaforma possono acquisire crediti di carbonio in vari modi. Questi crediti sono un’unità di misura riconosciuta dal Protocollo di Kyoto.

Grazie alla partnership con oltre 10.000 marchi, l’IMPT sembra molto promettente con una prevendita che ha già raggiunto 1 milione di dollari in poche settimane. Il principio si basa sull’acquisto di prodotti per i quali i marchi destinano una certa quantità di crediti di carbonio. Questi crediti saranno utilizzati per finanziare progetti ecologici e sostenibili in tutto il pianeta. È anche possibile acquistare direttamente i crediti di carbonio oppure bruciarli. Per tutti coloro che scelgono quest’ultima opzione, la piattaforma offre ricompense sotto forma di NFT.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.