UNA VALSUSINA D’ADOZIONE CI RACCONTA IN DIRETTA IL DRAMMA DI GENOVA. LA POLITICA AVRÀ IMPARATO QUALCOSA?

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di FEDERICA GUIDI(Da Genova)

ZENA Città regale e misteriosa la mia,
la Superba, cosi imponente e popolare al tempo stesso
“la città dei bei palazzi”, dove si respira Mare,
e voci e profumi che si rincorrono nei caruggi
e un via vai di genti tra l’azzurro del mare e il verde dei monti.

Città colorata e vivace la mia,
ed è cosi difficile vederti piegata, in ginocchio, ancora.
Tu cosi bella e maestosa che piangi
ora come tre anni fa i tuoi morti, e quanti ancora!?
Sorrisi strappati alla vita, senza alcun un senso, senza preavviso, travolti da pioggia e fango.

Stesso problema che si ripete ogni volta quando il cielo piange, i fiumi esplodono portando via tutto,
speranze, lavoro, fatiche di una vita e sorrisi, come quelli di Shpresa con le piccole Gioia e Janissa, Angela, Evelina serena e Antonio oggi.

Città curiosa la mia,
cantata da tutti, amata da molti, mistrattata da pochi, i soliti, che sempre agiscono in conseguenza all’emergenza e, in preda al panico, per risollevarti dal crollo.
Tu li spaventi!

Tu violentata da acqua e fango che inesorabili e potenti avanzano travolgendo tutto,ogni cosa, ogni via, ogni vita, ogni tuo tesoro, ma nessuno che si preoccupi di curarti, rispettarti davvero e amarti giorno per giorno.
Oggi come ieri solo gli angeli del fango, gente semplice che ama questa terra come fosse un po’ casa sua, si rimbocca e maniche e ti ripulisce.

Genova…
Genova d’anima forte, come dice Guccini.
Genova che non si arrende,
Genova che combatte, che si unisce e vince!

Ora basta!

Non è possibile attuare sempre strategie di emergenza dal momento che emergenza non è, evidentemente, se a storia si ripete dal ’70 e negli ultimi anni sempre più spesso.
Genova la Superba nuovamente colpita e in ginocchio, deturpata dalle frane, sempre più frequenti, invasa da acqua e fango ancora, violentata dall’immobilismo delle politiche ecologiche e sociali di questo territorio ad alto rischio di alluvione, perchè evidentemente i sei morti, di soltanto tre anni fa, tra cui due bambine, non sono bastati.e oggi un altro sorriso va via, ma per colpa d chi?
Di tutti noi,senza distinzione di sorta, colori, partiti e bandiere.

Noi che mistrattiamo questa città invece di amarla e rispettarla ogni giorno. Noi che ci ostiniamo a criticare,ma restiamo inerti, senza cercare di cambiarla, di salvarla, di proteggerla. E intanto la pioggia cade, il fango avanza e i fiumi esplodono, portandosi via speranze, il lavoro e fatiche di una vita e sorrisi che mai più torneranno.

In quel preciso istante in cui ti rendi conto che tutto sta accadendo adesso, sotto i tuoi occhi e non puoi far niente per impedirlo, ripensi che la fuori in mezzo alle macchine o travolta,, vinta dalla forza del torrente straripato e senza via di scampo potevi essere tu, se solo avessi tardato il rientro a casa di poco.

E’ li che poi si vedono gli angeli del fango e gente di ogni dove e di ogni età che ama questa terra come fosse casa sua, che affonda le mani nella fanghiglia e con fatica cerca di ripulirla.

Ci si tende la mano e si lavora insieme fianco a fianco senza sosta e con la voglia di fare, di risistemare il nostro angolo di paradiso, la nostra città, la Superba!

Un po’ come avviene nei piccoli paesi e io, valsusina d’adozione la conosco bene, quella forza che ti sale dentro quando sai che devi salvare la tia città a tutti i costi, perchè lei ti ha cullato, tra i suoi profumi, i suoi caruggi, quell’aria di mare che ti invade e ti fa innamorare, tra i colori delle case a strapiombo schiacciate tra l’azzurro del mare e il verde dei monti, tra il chiacchiericcio delle comari, dei marinai, piazze colme di viandanti curiosi e l’allegria e la forza d’animo di questa gente.

Genova ora piange, bloccata da una classe che non considera tecniche preventive di tutela, per poi scongiurare il disastro che lento avanza e operare in extremis col doppio dei costi in termini economici e di vittime e di cuori che vedono questa città “dai bei palazzi” morire.

Genova in ginocchio che trema, che affoga, ancora.
Genova la Superba, d’anima forte per Guccini.
Forza Genova, signora del mare! (Petrarca)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.