VALSUSA, 4 MILIONI PER IL NUOVO POLO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BUSSOLENO: “SERVIRÀ A TUTTO IL PIEMONTE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

BUSSOLENO – Questo pomeriggio, nello studio del sindaco di Bussoleno Anna Allasio, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto per il nuovo polo logistico “Emergenze Valle Susa” che, come ha illustrato il sindaco, sorgerà sul luogo dove si trovava l’ex istituto Plana di Bussoleno.

Alla riunione erano presenti il sindaco Anna Maria Allasio, il consigliere di minoranza Francesco Richetto, i vari responsabili delle associazioni operanti sul territorio, per gli A.I.B. Protezione Civile, Mario Antonucci, per il soccorso alpino Paolo Sibille, per la Croce Rossa Michele Belmondo, per l’associazione Radio Amatori Piero Ariano, per l’associazione Nazionale Alpini Marco Baritello, Andrea Borello per il comando vigili urbani e l’ingegner Soffredini, assessore ai lavori pubblici.

Il sindaco ha iniziato la riunione con i ringraziamenti rivolti a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questa iniziativa con un accenno a quanto essi hanno fatto, in occasione degli incendi dello scorso ottobre.

Grazie alla fondazione Specchio dei Tempi della Stampa tramite il giornalista Angelo Conti, ed ad altri contribuiti di privati e aziende, si raccoglieranno 4 milioni di euro che verranno utilizzati per la costruzione di questo polo logistico di emergenza.
Ringraziamenti pure ai vari politici dei diversi schieramenti, che hanno dimostrato il loro interessamento per la costruzione del polo.

Il sindaco ha sottolineato: “La Regione Piemonte ha preso come punto di riferimento Bussoleno, un modello per la valle, come esempio per altri e questo polo non sarà una cattedrale nel deserto, ma servirà per qualsiasi necessità di interventi e aiuti alla popolazione”.

Il nuovo polo sarà dotato di una superficie per atterraggio di elicotteri, un’attrezzata sede operativa per programmare qualsiasi tipo di soccorso e calamità naturale e non servirà solo a Bussoleno o alla Valsusa, ma a tutto il Piemonte.

Il consigliere Richetto, nel suo intervento ha sottolineato una bella sinergia tra tutte le associazioni presenti, sia riferendosi agli incendi e sia alla realizzazione dell’emergente polo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. eh caro marco , sai quanta gente puo mangiare e quanto mangeranno da 4 milioni di euro???, con la tac ingrasserebbero in pochi …ormai queste sono notizie per allodole , alla gente non gliene frega niente del polo operativo , diventiamo operativi per risanare e valorizzare il nostro territorio e migliorare quei piccoli servizzi che ancora ci hanno lasciato

  2. Sono Angelo Conti, consigliere di amministrazione della Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Premesso che nessuno ci ha avvertito della conferenza stampa, a cui avremmo volentieri partecipato per spiegare bene le cose, volevo ribadire che l’opera in questione NON è ancora finanziata. La nostra fondazione, su richiesta del sindaco e delle associazioni di Bussoleno, ha compiuto alcuni sopralluoghi per valutarne la fattibilità. E’ stato poi redatto un progetto di massima da parte dei nostri professionisti che abbiamo sottoposto al sindaco. Questo progetto prevede una spesa di 4 milioni di euro che devono essere raccolti. Noi abbiamo messo a disposizione il nostro ufficio di progettazione sociale per lavorarci su. Ma l’opera, ripeto e sottolineo, non è ancora finanziata, la ricerca dei fondi comincia adesso. I lavori quindi NON partiranno a breve, mentre confermo che la costruzione e la precedente demolizione – una volta avviate – potrebbero essere piuttosto rapide e quantificabili in sei mesi. La fondazione è a disposizione di tutti, come sempre, h24, festivi compresi, per qualsiasi informazione. Info: Angelo Conti, 011 6568229, 335 8111008, angelo.conti@specchiodeitempi.org

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.