OULX, ACCOLTELLATO UN MIGRANTE DOPO UNA LITE NELLA CASA CANTONIERA OCCUPATA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

OULX – Stanotte c’è stata una lite violenta tra due migranti nell’ex Casa Cantoniera, ormai occupata da anni all’ingresso del paese. A seguito del litigio, scoppiato per futili motivi, uno dei due uomini è stato accoltellato e ferito alla spalla. La vittima è di nazionalità marocchina: l’ambulanza l’ha trasportato all’ospedale di Susa.

Sull’episodio indagano i carabinieri: per fortuna l’uomo non è ferito grave. Ricoverato in ospedale, rimarrà sotto osservazione per qualche giorno. La persona che lo ha accoltellato non è stata ancora identificata: è scappato dopo averlo ferito. Le forze dell’ordine tenteranno di rintracciarlo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

42 COMMENTI

  1. A spese della collettività ovviamente. Quella stupida collettività di cui questa gentaglia si fà beffe. Indossavano la mascherina? Rispettavano il distanziamento? Sono congiunti? Sono ststi multati di 400 ero a testa? O queste norme valgono solo per la stupida e inerme collettività?Quanti anni ancora dovranno passare per ripristinare la legalità? Grazie sindaco per il suo disinteresse. O connivenza? O semplice ignavia?

      • Infatti son d accordo. Loro non infettano ne più ne meno dei negozi delle varie tipologie, con il TUTTO PIENONE DI GENTE negozi dielle. varie tipologie, scarpe abbigliamento, pasticceria, chissà poi perché li c è sempre il pienone e i bar sono quelli penalizzati. Boh…. Può darsi che il covid preferisca saltare sulla tazzina del caffè, magari gli piace l aroma, piuttosto che saltare sul maglione, può sempre essere che non gli piaccia il bignè perché ha la glicemia alta, e, piuttosto va a posarsi sul tavolo del ristorante. Ognuno ha le sue preferenze, alla faccia di quei cretini di baristi e ristoratori che si sono attrezzati con il tutto e di più, plexiglas, sanificazione, ecc… Sono sicuramente, e scusateci se vogliamo dirlo, ancora I più sicuri… A buon intenditore poche parole. Cari Ministri, ogni tanto fatevi un giretto fuori da quella reggia a Roma che vi accoglie e poi vedrete veramente cose mai viste. Forse siete ancora più stupidi di quello che pensiamo

  2. Esagerati, tutto ‘sto clamore per un semplice e civile diverbio tra risorse.
    Piuttosto, ma com’è che mentre noi paesani ci dobbiamo fare le chiusure rosse, arancioni, gialle e a pallini che sennò schiattiamo tutti subitissimevolmente di Coviddì, questi qui occupano, vanno, vengono si ”bisticciano”, s’ingroppano e chissà cos’altro e non gli dice niente nessuno? Mistero.

  3. Questa è tutta colpa di chi ha organizzato l’occupazione della casa perchè questi occupanti fanno più danni che altro!…ed il tutto danneggia le associazioni che gestiscono concretamente queste emergenze.

  4. La casa occupata rende ai.politici più di un hotel 5 stelle Oulx vanta di avere la fabbrica dei comunisti il famoso liceo daltronde

  5. Vengo solo d’estate, sono rimasta basita dal fatto che non siano stati allontanati subito, girano per il paese conciati e sporchi da far paura, sono stata seduta davanti all’asilo a vedere cosa fanno. Niente che possa essere utile alla collettività. Sindaco, batti un colpo.

  6. Dobbiamo dare l’esempio concreto di una cultura dell’accoglienza, che sia integrale. Una cultura dell’accoglienza deve mettere tutto al centro, l’accoglienza come un nostro valore, a 360 gradi, e che sappia misurarsi con la sfida della globalizzazione, quest’accoglienza. Quella sfida che porta con sé, com’è ovvio, anche maggiori opportunità di circolazione delle persone, perché nell’era globale tutto si muove. Si muovono i capitali, si muovono le merci, si muovono le notizie, si muovono gli essere umani. E non solo per turismo. E i migranti oggi sono l’elemento umano, l’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che presto sarà uno stile di vita molto diffuso per tutti noi, loro sono l’avanguardia di quello… dello stile di vita che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi. Cit. Boldrini

  7. Penso che la teoria del “POLITICAMENTE CORRETTO” non stia dando i frutti a cui , forse, alcune forme di pensiero continuano a credere .Credo che siano politicamente corretti, tutti coloro che non hanno nulla da perdere e che per pigrizia mentale , non prendono delle posizioni. E’ inaccettabile tutto quello che sta succedendo, ed è ancora piu’ inaccettabile che si faccia finta di nulla – Moriremo sotto i nostri diritti, dimenticandoci di avere anche dei doveri .Nella speranza che non accada qualcosa di piu’ serio , che una coltellata non grave , restiamo inerti a sperare che nulla capiti a noi, che i nostri cani non vengano aggrediti dai cani liberi (amo i cani , ma anche loro hanno bisogno di regole ) e che pestare escrementi sia la normalità .

  8. Sgomberare la casa occupata? Purtroppo è una pia illusione. Siamo in Italia. Il Bel Paese è debole. Mica per niente vengono tutti qui. Quegli individui che occupano sono stati sgomberati da Claviere e ora sono scesi ad occupare la Casa Cantoniera di Oulx dove ci sono i deboli inetti al comando. Ci staranno per sempre…

  9. A me spaventano più i commentatori di questa notizia che quei disperati che alloggiano in un edificio abbandonato.

      • Io ho capito benissimo che una rissa tra stranieri fa notizia, mente le risse che abitualmente si vedevano nei pub e bar di valle (quando erano aperti) da parte di ragazzi italiani figli di italiani non se li filava nessuno. Le case cantoniere sono quasi tutte abbandonate e cadute a pezzi in mezza valle, ma solo quella di Oulx è diventata improvvisamente di interesse dei cittadini, solo perché qualcuno ha deciso di occuparla e usarla. Basterebbe aprire il confine al libero passaggio, e non ci sarebbe più bisogno di ricoveri di comodo. Questo attenzione polarizzata è razzismo, anche se chi ne è affetto spesso è pure convinto che non lo sia.

        • Rilegga con attenzione quello che ha scritto e dia la sua disponibilità ad ospitare queste persone a casa sua (anarchici compresi).Con vitto, alloggio e responsabilità civile e penale di quello che potrebbero combinare…

          • La classica “risposta che non c’entra un cazzo” di quelli che “io non sono razzista ma…”. Perché, ora li ospita forse lei a casa sua? Qual è il problema? La casa cantoniera è sua proprietà? Se non le sta bene può sempre andare a discuterne direttamente con loro, cosa aspetta? Io voglio che siano semplicemente liberi di andare dove vogliono passando il confine per la strada principale, come prevedono i trattati di libera circolazione europei, e non rischiando la vita a 15 sotto zero in mezzo a più di 1 metro di neve.

        • I trattati europei di libera circolazione riguardano gli Europei, residenti, in regola e con documenti. Che lei voglia che tutti si muovano liberamente è affar suo e non può imporre agli altri questa demenziale anarchia. Nel caso si chiamerebbero trattati mondiali, non le pare? E le segnalo che se noi volessimo trasferirci in Nigeria o Camerun o Senegal non potremmo farlo liberamente, ma ci chiederebbero documenti, visti, garanzie e disponibilità economiche, altrimenti … a casa.

          • Come al solito si confrontano mele con patate. Una volta che un immigrato è stato identificato, registrato e non espulso per validi motivi, è libero di circolare nell’unione europea come un qualunque altro cittadino europeo. I controllo e blocchi ai confini sono del tutto illeciti e violando il trattato di Schengen. Il suo esempio c’entra come i cavoli a merenda, non esiste l’unione Africana e l’Europa non è il Senegal. L’unione europea è basata su principi di solidarietà e rispetto dei diritti umani scolpiti nella costituzione europea, e tali diritti devono essere rispettati, a prescindere dalla provenienza o cittadinanza di chi si trova sul territorio europeo.

  10. Prima se la presero con gli immigrati e non dissi niente, poi se la presero con gli omosessuali e non dissi niente, poi con gli zingari e non dissi niente, poi con chi non la pensava come loro e nessuno disse niente. Così fini la mia vita in un campo di sterminio!!! Concetto ripreso da Primo Levi

  11. Bisognerebbe chiedere conto a tutte le autorità locali e non che da due anni passano di lì ed evidentemente si girano dall’altra perchè non una foglia si è mossa per ripristinare la legalità alla faccia dei cittadini onesti che oltretutto gli pagano lo stipendio (alle autorità). Mi piacerebbe sapere chi è incaricato della vigilanza di ogni ordine e grado (che sia edilizio piuttosto che sicurezza) come ritenga di svolgere il proprio lavoro nei confronti della cittadinanza e come possa ritenersi in pace con se stesso a fine mese quando incassa lo stipendio…..

  12. Razzismo strisciante di gente ignorante
    12 Gennaio 2021 at 23:23:a me risulta che alla libera circolazione in Europa abbiano diritto i cittadini europei e chi vi circola con i documenti in regola, sicuramente queste persone non hanno questi requisiti,non mi sembra difficile da capire.Inoltre incoraggiare a passare la frontiera clandestinamente e senza essere attrezzati spesso porta a tragedie di cui siamo purtroppo stati testimoni involontari,ma mi rendo conto che lei non riesce a vedere oltre quello che le permettono i suoi paraocchi ideologici.Se lei sente l’impellenza di risparmiare a queste per sone il rischio dell’attraversamento della frontiera se li carichi in macchina e li porti in Francia.Mi faccia poi sapere come è andata con la polizia d’oltralpe.Dal vostro affezionato Merovingio di quartiere tanti auguri (fassisti,rassisti ed anche nassisti) per l’impresa…

    • Una volta che un immigrato è stato identificato, registrato e non espulso per validi motivi, è libero di circolare nell’unione europea come un qualunque altro cittadino europeo. I controlli e blocchi ai confini sono del tutto illeciti e violano il trattato di Schengen. E ne è dimostrazione il fatto che se hai la pelle bianca puoi andare avanti e indietro per il Monginevro (ma anche al Moncenisio e al Colle della Scala, quando sono aperti) davanti ai gendarmi senza essere fermato, mentre uno dalla pelle scura viene subito fermato. Io potrei portare avanti e indietro droga, armi e bombe senza mai essere controllato, mentre un disperato con maglietta estiva a -10 viene vessato in tutti i modi possibili. Questo è razzismo elevato a sistema. Respingo al mittente le tue accuse, quelli che fanno rischiare la vita a questi poveracci sono i gendarmi che gli impediscono il passaggio dalla strada principale sapendo perfettamente che, prima o dopo, questi riusciranno a passare in qualche punto non presidiato (I sentieri dietro Claviere o Monginevro, il Col Suarel o la Val Thuras), sempre che non ci restino secchi prima. Il voglio che i confini siano aperti come dovrebbero essere. L’unione europea è basata su principi di solidarietà e rispetto dei diritti umani scolpiti nella costituzione europea, e tali diritti devono essere rispettati, a prescindere dalla provenienza o cittadinanza di chi si trova sul territorio europeo.

  13. Quanta foga e quanta disinformazione.La realtà è che un extracomunitario per poter circolare liberamente deve possedere il permesso di soggiorno,punto.Lei afferma di volere “che i confini siano aperti come dovrebbero essere”,peccato che tra il dire ed il fare ci sia di mezzo la realtà.Noto comunque da parte sua una certa conoscenza sui luoghi in Valle dove i clandestini cercano di espatriare…

    • Ho una certa conoscenza di tutte le montagne della valle, essendo un valligiano assiduo frequentatore della montagna. E proprio perché le frequento in tutt’e quattro le stagioni, capisco quale possa essere la disperazione di una persona (non un clandestino, non un extracomunitario, una persona) che tenta di svalicare il confine dal Col Saurel (vedi altra notizia di questi giorni) a oltre 2400m, di notte, con quasi 1 metro di neve e più di 10 gradi sottozero. Una attività alquanto pericolosa persino con tutta l’attrezzatura ed esperienza necessaria. Io farei provare l’esperienza a tutti i facili commentatori con un tetto sulla testa e tutte le comodità date dalla fortuna di essere nati sulla sponda giusta del mediterraneo. La vita nel paese di origine, la povertà, futto il viaggio passando dalla Libia, al barcone, fino ad arrivare a Oulx e poi da Claviere fino a Briancon di notte in mezzo alla neve. Areaste girare un po’ meno la lingua e le dita sulla tastiera.

  14. Questa occupazione che dura ormai da anni è un schifo, così come fa schifo che le autorità competenti a partire da sindaco non abbiano fatto nulla per sgomberarla e renderla definitivamente inagibile.
    L’occupazione di una propietà dello stato è di per sè un crimine, chi ci abita abusivamente, dando asilo a clandestini, tra cui magari anche delinquenti e terroristi è doppiamente un delinquente. Ma evidentemente alle autorità locali non interessa, e fanno finta di non vedere. Noi però dobbiamo rispettare le regole, usare la mascherina e stare nel nostro comune altrimenti fioccano le multe. perchè non vengono visitati giornalmente dalle forze dell’ordine e multati perchè oltre ad occupare una proprietà dello stato si trovano fuori dal loro comune di residenza??? Certo è più facile fermare lungo la statale qualcuno che viaggia in macchina sapendo che non gli tirerà una coltellata ma soprattutto che non finirà sul giornale come un’atto di razzismo. se ancore esiste la legalità questa gente va identificata, cacciata, e magari anche punita per aver occupato un bene statale e aver dato aiuto e asilo a dei clandestini. Se ne rimanessero a casa loro invece di venire tutti qui, stiamo diventando la pattumiera d’Europa. Ma nessuno pensa di indagare per verificare se ci sono state mancanze da parte delle autorità locali?? Se la casa fosse stata subito sgombrata non ci sarebbe stato l’accoltellamento, che oteva facilmente diventare un omicidio. Vogliamo aspettare che ci scappi il morto per fare qualcosa???

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.