VALSUSA, ANCHE LA FIOM CGIL PARTECIPA ALLA MARCIA NO TAV

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA FIOM CGIL

TORINO – La Fiom Cgil di Torino e del Piemonte rendono noto che parteciperanno alla marcia No Tav indetta per domenica 8 dicembre dall’Unione Montana e dai Comuni della Valle di Susa. Come da sempre sosteniamo si tratta di un’opera che si rivelerà inutile e superata, che drena e drenerà enormi risorse pubbliche.

Quelle risorse che andrebbero investite nella creazione di lavoro con un grande piano di modernizzazione e manutenzione delle reti di trasporto pubblico e di salvaguardia del territorio, che proprio in queste settimane ha dato ulteriore dimostrazione di un esteso dissesto idrogeologico.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. Partecipano i sindacati? e a che titolo, forse da disoccupati poichè oggi il sindacato conta come il 2 di picche, nessuno li ascolta più, ne le imprese ne i lavoratori. Della partecipazione ne è al corrente il loro capo Landini?

  2. con il suo povero commento si è dimostrato più ridicolo del post. a meno che lei non viva nelle grotte, sa cosa vuol dire impatto ambientale ?, spreco risorse delle acque?, smarino ?ect la smetta di guardare il grande fratello ed esca di casa annusi l’aria parli con chi del dissesto idrogeologico deve confrontarsi ogni giorno. anche curare gli ammalati di tumore da lavoro… svegli il neurone

    • Sì, conosco molto bene le cose citate. Ma detto ciò, il suo commento non spiega cosa cavolo c’entri il sindacato FIOM-CGIL con tutto ciò. A quando l’annuncio della partecipazione alla manifestazione da parte dell’associazione astrofili e quella degli scacchi?

  3. Ridicoli lo si può essere in tanti modi.
    Un sindacato serio è perfettamente in grado di distinguere tra il lavoro che va difeso e lo sperpero di miliardi per un numero (questo veramente ridicolo) di posti di lavoro, enfatizzati con spregevole propaganda atta ad abbindolare i gonzi, attuata con l’immancabile aiuto di “media” spesso compromessi sino al collo.

    • Di “gonzi” in questa valle sono rimaste solo quelle poche centinaia di persone che trascorrono le proprie giornate tra social e presidi, convinti di dire o scrivere cose autorevoli che importino a qualcuno che non siano loro stessi.

  4. Ridicolo è ribadire di non capire una spiegazione semplice come quelle che Le ho prospettato.
    Non capire quanto c’entri il sindacato non è da gonzo, scelga Lei l’aggettivo più appropriato.

  5. Viadotti che crollano, opere esistenti che necessitano di manutenzione, soldi a disposizione pochi. Prima manteniamo le infrastrutture esistenti e il territorio che sempre più spesso frana.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.