BUSSOLENO, ARRESTATA DANA LAURIOLA: TENSIONE TRA NO TAV E POLIZIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

BUSSOLENO – All’alba di questa mattina è stata arrestata l’attivista No Tav Dana Lauriola, che dovrà scontare due anni di carcere per aver partecipato anni fa ad una manifestazione sull’autostrada A32. La ragazza è stata portata in carcere, il tribunale le ha negato ogni misura alternativa alla detenzione in galera. Sempre questa mattina è stato arrestato ai domiciliari un altro attivista No Tav, Stefano Milanesi.

Al momento dell’arresto di Dana Lauriola ci sono state tensioni tra i No Tav e le forze dell’ordine: la polizia ha caricato con i manganelli alcuni manifestanti.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

15 COMMENTI

  1. LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI…….elenco parlamentari ed ex, né condannati né assolti…..semplicemente reati PRESCRITTI. ……..Andreotti, Berlusconi, Calderoli, Brancher, Bruguglio, Caparini, D’Alema, Giudice, Iapicca, Nania, Naro, Paravia, Rigon, Romano, Vizzini……….Dana arrestata!!!!!! È difficile credere nella giustizia degli uomini.

    • Perchè non ci aggiungi Grillo che per gli stessi fatti costati il carcere a Dana è stato prima condannato nel 2014 e poi dichiarato prescritto con sentenza c.App. torino 4.12.18 e privato del diritto di avere la sospensione condizionale della pena in caso di nuova condanna come un qualsiasi delinquente abituale. ..quello di legalità e onestà…accetta la prescrizione che non vuole per i comuni mortali..già lui è l’ Elevato.. I reati son reati, non ci sono quelli buoni e quelli cattivi, come non ci sono magistrati onesti e quelli disonesti..almeno i teoria visto che li leccate da sempre.. però se condannano uno di voi urla e strepiti….coerenza zero

  2. Indipendentemente dalle proprie legittime opinioni 8 anni per un giudizio definitivo sono un tempo inaccettabile per qualsiasi stato di diritto…

    • Il nostro stato di diritto prevede vari gradi di giudizio essendo molto garantista.In altri paesi ,anche occidentali, non è così e queste persone sarebbero state condannate in modo definitivo più velocemente.Che poi in Italia ci siano lungaggini ed inefficienze è un dato di fatto,ma che non cambia i termini del problema.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.