SUSA, ARRESTATO UN GIOVANE: MALTRATTAVA I PARENTI PER FARSI DARE I SOLDI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO STAMPA DEI CARABINIERI

SUSA – I carabinieri hanno arrestato un giovane del luogo per maltrattamenti ed estorsione ai famigliari. Il giovane è stato colpito da un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal GIP del Tribunale di Torino, su richiesta della competente Procura della Repubblica in seguito a diverse segnalazioni e interventi dei carabinieri, che avevano applicato nell’immediatezza il cosiddetto “Codice Rosso”.

Le indagini dell’Arma hanno permesso di evidenziare nei confronti dell’arrestato gravi condotte di maltrattamento e plurime richieste estorsive finalizzate a ottenere dai suoi familiari il denaro necessario per procurarsi la droga. Da diverso tempo infatti l’uomo “prelevava” denaro quasi tutti i giorni, sino a prosciugare la pensione e lo stipendio dei parenti. Nel mese di ottobre l’aggressività del giovane nei confronti dei familiari aveva portato a episodi di danneggiamento del mobilio di casa, a gravi minacce, e anche a violenze fisiche tanto che una parente in una occasione, al diniego di una somma di denaro, era stata colpita ad un braccio riportando una prognosi di 10 giorni. L’arrestato si trova nel carcere di Torino.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

    • ma cosa fai…copia/incolla x ogni risposta. ad ogni post sempre la stessa risposta….ma andare lungo la dora …a pescare!!!!

  1. MALTRATTAMENTO. ESTORSIONE, se la giustizia è giusta , visto quanto hanno inflitto a Dana Lauriola ed a Nicoletta Dosio,
    a questo dovrebbero dargli almmeno 10 anni, ma siamo sicuri che tra pochi giorni sarà fuori e potrà riprendere a drogarsi ed a minacciare e picchiare nuovamente mamma e sorella,cosi poverine vivranno nuovamente nel terrore.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.