VALSUSA, BILANCIO POSITIVO PER IL TURISMO ESTIVO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DELLA REGIONE PIEMONTE

TORINO – La montagna si conferma protagonista dell’estate turistica in Piemonte: forte elemento di attrazione sia del turismo di prossimità sia dei flussi provenienti dall’estero, le valli piemontesi sono tornate ad ospitare numerosi visitatori, forti anche di una sempre più ricca offerta di attività outdoor e di intrattenimento.

Nella provincia di Torino i mesi di giugno e luglio hanno registrato un’ottima performance per quanto riguarda presenze e arrivi, in particolare nell’area delle valli olimpiche (Valle di Susa e del Pinerolese) dove si registra un trend di crescita oltre il 10%. Il periodo di maggiore afflusso rimane comunque agosto: nelle settimane centrali del mese, infatti, le strutture alberghiere hanno registrato, in particolare nel ponte di Ferragosto, picchi del 95% di occupazione delle camere (nell’area del Gran Paradiso); nello stesso periodo, ottime anche le performance dell’alta Valsusa e Chisone (88%) e delle Valli di Lanzo (80%). Oltre 32mila, infine, i passaggi presso gli uffici del turismo gestiti dall’Atl Turismo Torino e Provincia nelle aree montane.

Anche le valli del Cuneese si confermano come fortemente attrattive: nel mese di agosto l’occupazione media delle strutture ricettiva, secondo un sondaggio su un campione di strutture realizzato dall’Atl, si è infatti attestata intorno al 70%. Numerosi i passaggi presso i principali uffici del turismo, dove i contatti con turisti e visitatori sono stati, a luglio e fino al 20 agosto, circa 3800, di cui oltre il 75% a Limone Piemonte. Bilancio positivo anche nelle province di Vercelli, in particolare nell’area della Valsesia, e di Biella: nel Biellese, in particolare, sono stati registrati oltre 2000 passaggi dagli uffici turistici, con un incremento di circa il 5% rispetto al 2016.

Particolarmente positivo l’andamento dei rifugi: grazie alle condizioni meteo favorevoli, infatti, si è registrato un aumento delle presenze, in particolare nelle sedi più facilmente accessibili. In crescita l’occupazione anche nei rifugi di alta montagna (in alcune aree fino al 20%), dove, nelle settimane centrali di agosto, si registrano numerosi casi di piena occupazione dei posti letto, e dove è stata registrata una significativa affluenza anche di turisti stranieri.

A contribuire al buon andamento della stagione in montagna, in particolare per il turismo di prossimità, è inoltre la sempre maggiore offerta di attività, dall’outdoor all’intrattenimento, capaci di attrarre numerosi visitatori: si va dallo scivolo gonfiabile allestito nel centro di Bardonecchia, vera e propria attrazione che ha calamitato in un weekend centinaia di curiosi, alla panoramica Via del Sale, nel Cuneese, dove dal 24 giugno al 20 agosto sono transitati 4250 mezzi, ai quali si sommano ciclisti e pedoni, che hanno percorso la strada che collega Limone Piemonte e la frazione Monesi di Triora, in Liguria. In alta Valsesia, inoltre, gli impianti di risalita di Alagna hanno registrato un aumento dell’11% di passaggi e presenze rispetto allo stesso periodo del 2016. Nella stessa area in aumento anche gli sport fluviali: le presenze sono state costanti dall’inizio della bella stagione e confermano i valori positivi dello scorso anno.

“Questa estate conferma la montagna quale importante fattore di attrazione per il nostro turismo, grazie anche a un’offerta ricettiva e di attività sempre più numerosa e di qualità – dichiara Antonella Parigi, assessora alla cultura e al turismo della Regione Piemonte – Un settore, questo, per la cui crescita e consolidamento siamo fortemente impegnati, dalla recente modifica della legge regionale 2/2009, che ha introdotto la categoria di montagna estiva, ai numerosi incentivi messi a disposizione degli operatori per lo sviluppo del turismo ‘green’, dal cicloturismo all’escursionismo. Un impegno straordinario a favore delle nostre valli che, insieme agli investimenti fatti dalla Giunta regionale per la montagna invernale e gli impianti sciistici, dimostra quanto questo settore sia per noi strategica per lo sviluppo del Piemonte”.

Un bilancio positivo, quindi, che conferma la rilevanza del prodotto turistico montano in estate, anche in un’ottica di promozione turistica sui mercati italiano ed estero. Per questo la Regione Piemonte, attraverso la DMO Piemonte Marketing, sta realizzando numerose iniziative, proprio ai fini della valorizzazione della montagna estiva e dell’outdoor, in collaborazione con le Atl del territorio. Per i prossimi mesi, inoltre, sono previsti due workshop, a settembre a Lione e Colonia, con operatori turistici specializzati e giornalisti, oltre a un evento per la stampa locale che si svolgerà in autunno a Utrecht, nei Paesi Bassi. Alcune delle iniziative sono in coordinamento con altre regioni italiane che hanno aderito al progetto Green and Blue, per la promozione del turismo outdoor, di cui è capofila la Lombardia.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.