VIDEO / VALSUSA, CONDANNATO UNO STALKER: PICCHIAVA L’EX COMPAGNA E AVEVA DATO FUOCO AL NEGOZIO DELL’AMICA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

ROSTA – I carabinieri di Avigliana e Rivoli, sotto la direzione della Procura della Repubblica, a gennaio hanno arrestato Alessandro Catozzi, 51 anni, abitante a Rosta, nei cui confronti erano stati acquisiti gravi elementi di responsabilità per aver molestato, intimidito e picchiato l’ex convivente. Non accettava la fine della loro storia e la perseguitava.

L’uomo è stato condannato in primo grado a 2 anni e 6 mesi di reclusione per atti persecutori. Il condannato ha fatto ricorso: il fascicolo è in Corte di Appello con udienza fissata al 27 aprile.
Il procedimento penale tra origine da diverse querele: la prima è del 22 settembre 2014. La vittima è una donna di 40 anni, Nadia (nome di fantasia) residente in provincia di Torino.

Nei vari esposti, la donna ha denunciato le numerose lesioni, minacce e danneggiamenti subiti (pneumatici bucati, carrozzeria della macchina danneggiata con scritte volgari, telefoni cellulari spaccati, ecc..). Il tutto perchè l’ex non accettava la fine della relazione. L’uomo aveva cercato in modo ossessivo,  attraverso telefonate e sms (oltre mille) e presentandosi in casa della donna, di convincerla a tornare a vivere con lui.

Il 26 dicembre Alessandro aveva bucato le gomme della macchina di Nadia perché si era rifiutata di trascorrere il Natale assieme a lui. L’aveva costretta a trascorrere insieme il 31 dicembre a Torino per poi, dopo cena, farla scendere e salire dalla macchina, nel cuore della notte, a suo piacimento nel viaggio di ritorno a casa. L’indagato, quella notte, aveva picchiato Nadia ripetutamente al volto, con schiaffi e pugni, e l’aveva minacciata di morte nel caso non fosse tornata a “essere soltanto sua”, dicendole che prima o poi l’avrebbe uccisa.

Tra le varie cose, è stato accertato che l’indagato ha anche  appiccato il fuoco a un negozio d’abbigliamento di Buttigliera Alta, dove lavorava un’amica della vittima, colpevole di aver incontrato Nadia qualche giorno prima.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Ma vada a dare via il culo la giustizia è solo in grado di colpire i poveracci che non hanno fatto nulla di che i furiosi continuano a fare male e basta vergogna porci

Rispondi a pino Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.