VALSUSA, DENUNCIATO UN MINORENNE: AVREBBE UCCISO DUE TARTARUGHE A BASTONATE

Villar Dora, la replica del giovane: "Non è vero, erano rimaste impigliate, non le ho uccise"

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

VILLAR DORA – Nei giorni scorsi i carabinieri hanno denunciato un minorenne residente ad Almese: è accusato di avere ucciso a bastonate due tartarughe palustri nel laghetto di via Sant’Ambrogio a Villar Dora, dopo averle pescate. I fatti risalgono a domenica 22 maggio: il personale del Comune di Villar Dora ha recuperato le carcasse delle due tartarughe, avvisando le forze dell’ordine. Dopo aver interpellato alcuni testimoni, i carabinieri hanno individuato il minorenne e l’hanno denunciato. Ecco la replica – tramite l’avvocato Giuseppe Lopedote – del diretto interessato: “Quelle accuse sono ingiuste e sono basate su testimonianze sbagliate, quelle tartarughe sono rimaste impigliate mentre stavo pescando e ho cercato di fare di tutto per salvarle, ma senza riuscirci. La storia delle bastonate non è assolutamente vera, sono un ragazzo che lotta per la tutela dell’ambiente e non farei mai nulla del genere”. Nelle prossime settimane si saprà la verità, partendo dalla necroscopia per risalire alla causa della morte delle due tartarughe.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

18 COMMENTI

  1. …non credo che i presenti si siano inventati la storia delle bastonate! Più facile che sia l’avvocato ad aver inventato la storia del salvataggio…

  2. Bravo , continua così e diventerai famoso . La criminologia insegna che i torturatori ed uccisori di animali da minori , da maggiorenni diventano serial killer sei sulla buona strada ……fenomeno

    • Hitler amava gli animali, una delle prime leggi che fecero i nazionalsocialisti quando arrivarono al potere fu quella per la protezione degli animali. Introdussero punizioni verso ogni forma di tortura o maltrattamento e misero al al bando ogni forma di sperimentazione su di essi… tranne eccezioni

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.